Down IV Part II: nuovo granitico EP per la band di Phil Anselmo

down - headbangkok.com

I Down (headbangkok.com)

I Down stanno finalmente per pubblicare il nuovo attesissimo EP. Down IV part II segna il ritorno della band capitanata dall’ex Pantera Phil Anselmo, a due anni di distanza dal precedente Down IV part I – The Purple Ep. Orfani della chitarra di Kirk Windstein (che ha lasciato la band con il consenso dei compagni, per concentrarsi a tempo pieno sui suoi Crowbar), sostituito dal comunque bravo Bobby Landgraf, i Down hanno sfornato un EP che prosegue un discorso musicale iniziato con Down IV Part I: un granitico e pesantissimo heavy metal dove la matrice southern dei primi due dischi viene lasciata da parte in favore di una pesantissima miscela di doom, stoner e sludge, che alterna parti cadenzate con riff più serrati. Il risultato è roboante, violento, mastodontico e pesantissimo.

APERTURA CADENZATA - Down IV part II si apre con Steeple: una lunga introduzione pesante e cadenzata che apre la strada a un veloce riff granitico e spaccaossa alternato a massicce dosi di corposi accordi. Un brano pesantissimo e pastoso con un Phil Anselmo che, come sempre, non si risparmia. We Knew Him Well è costruita su un riff di matrice blues suonato a livelli di distorsione inauditi: ne risulta un brano massiccio e violento che fa muovere il capoccione dall’inizio alla fine.

Dopo due brani molto cadenzati Hogshead / Dogshead aumenta la velocità. Di pregio l’introduzione che gronda southern metal, apripista per una veloce strofa che lascia da parte i compromessi per sfoderare violenza sonora prima di una seconda parte di brano dai toni più cadenzati: un brano eclettico, variegato, ma molto ben amalgamato. Conjure è un lungo brano diviso in due parti nette: la prima è cadenzata, quasi sonnolenta, dai fortissimi toni sabbathiani; la seconda deflagra in una mitragliata di velocità e tiro. Conclude il tutto un finale in cui tornano a fare capolino le minacciose note della prima parte.

Down Down-IV-Part-2 down-nola.com

La copertina di ‘Down IV – Part II’ (down-nola.com)

MURO SONORO – Sufferer’s Years ritorna a premere il piede sull’acceleratore senza però perdere la caratteristica pesantezza che risulta essere il marchio di fabbrica di questo EP. Di grande pregio l’inizio, con un gran riffone e una breve ma molto ben riuscita linea di chitarra solista prima dell’ingresso di Phil Anselmo, con una lirica trascinata, sofferente ma molto ben amalgamata con le chitarre. Un brano molto ben strutturato, con molta probabilità l’episodio più southern del disco e forse quello meglio riuscito in termini di groove.

Si chiude quindi con Bacchanalia. Si tratta di una sorta di riassunto di tutto quello che i Down hanno fatto sentire fino a questo momento in questo nuovo EP: un macigno pesante, distruttivo e granitico, caratterizzato dalla consueta formula composta da lenti accordi corposi alternati a riff più veloci di matrice blues ma suonati con un elevato tasso di distorsione. Una nota per il finale acustico, profondo e introspettivo, sulla falsa riga dei grandi pezzi acustici (Jail su tutti) presenti nei precedenti dischi dei Down.

UNA GRANDE PROVA – Promosso a pieni voti anche questo Down IV part II: 36 minuti di ottimo sludge metal spacca gengive e senza compromessi, suonato da una band in forma e cantato con la consueta passione da un Phil Anselmo che, nonostante non raggiunga più le altezze di un tempo, suda e sbraita senza risparmiarsi un secondo. Un episodio discografico di spessore, che si inserisce perfettamente nella florida scena heavy di New Orleans di cui i Down sono tra i maggiori esponenti. Da non perdere i due concerti italiani al momento confermati: l’11 agosto a Majano (Udine) e il giorno successivo al Rock Planet di Ravenna.

Voto: 7,5

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews