Dopo la strage di domenica a Baghdad, cresce la paura tra i cristiani iracheni

Baghdad – «I cristiani, le loro istituzioni e organizzazioni, le loro guide e i loro seguaci, sono tutti bersagli legittimi dei mujahedden, dovunque si trovino». E’ questa l’ultima minaccia rivolta dall’ala irachena di al-Qaeda ai cristiani, dopo il massacro perpetrato domenica in una chiesa nel centro di Baghdad, in cui sono morti 46 fedeli.

«Lasciate che gli idolatri e la loro guida, l’allucinante tiranno del Vaticano, sappiano che i colli dei loro seguaci verranno passati a fil di spada fino a quando non dichiareranno la loro estraneità a quanto sta facendo quel cane della Chiesa copta», si legge in un comunicato diffuso dall’organizzazione terroristica.

È preoccupato l’arcivescovo copto di Baghdad Shlimoune Wardouni che teme per la sicurezza della sua comunità. «Potremmo essere costretti a lasciare il Paese, ma dobbiamo essere forti e pronti a tutto” », ha detto.

Anche la Fratellanza musulmana egiziana è intervenuta, esortando lo Stato ad intervenire e a proteggere i lughi di culto e le comunità cristiane del Paese. «I Fratelli respingono tutte le stupide minacce contro i luoghi di culto cristiani. Lo Stato e il popolo devono proteggere i luoghi santi di tutti i fedeli delle religioni monoteiste», si legge in una nota.

Redazione


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews