Domani un asteroide sfiorerà la Terra

ROMA – Era il 1998 quando nelle sale cinematografiche italiane imperava Armageddon, ennesima impresa fantascientifica di firma Michael Bay incentrata su un gruppo di trivellatori, giudicati dalla Nasa come i migliori d’America (quindi del pianeta), il cui capo, Bruce Willis, si sacrificava pur di spaccare in due con una bomba atomica un asteroide che avrebbe segnato la fine del globo terracqueo.

Ma potranno star tranquille e godersi un meritato riposo tutte le ditte di trivellazione del pianeta perché, questa volta, non vi sarà alcun danno. Per la giornata di domani, infatti, è garantito il passaggio di un asteroide a 12.000 chilometri di distanza dalle coste dell’Antartide.

Nessun rischio di impatto, dunque, stando a quanto esprimono le pacate e tranquillizzanti riflessioni degli esperti del Jet Propulsion Laboratory proprio della Nasa. Il passaggio dovrebbe avvenire intorno alle ore 19:00 , nelle vesti di un incontro ravvicinato anche se non da record, dal momento che la distanza minima di passaggio di un asteroide fu verificata il 4 febbraio scorso, con lo sfrecciare a soli 5.480 chilometri dalla superficie terrestre del piccolo asteroide 2011 CQ1 dal diametro di un metro.

Quello che si avvicinerà alla Terra domani, invece, è stato classificato come asteroide 2011 MD, ed il suo diametro è stato stimato tra gli 8 e i 18 metri. Probabilmente, servendosi di un buon telescopio sarà possibile osservare il suo passaggio in particolare al momento del tramonto in zone come il Sud Africa, l’Australia, la Nuova Zelanda, il Pacifico occidentale e l’Asia meridionale.

Estremamente ridotte, secondo gli esperti, anche eventuali possibilità di collisione con satelliti situati nell’orbita geosincrona, a circa 36.000 chilometri dalla superficie terrestre.

A scoprire l’arrivo dell’asteroide è stato il programma Linear (Lincoln Near Earth Asteroid Research) di proprietà del Massachusetts Institute of Technology, secondo il quale lo stesso asteroide si avvicinerà di nuovo alla Terra nel 2022 non costituendo, però, nemmeno allora, alcun rischio di minaccia. Al massimo, dicono gli esperti, potrebbe esplodere nell’impatto con l’atmosfera, ma il risultato non sarebbe altro che un evento spettacolare.

Foto | Gaianews / Astronomicamentis

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews