Diversità è ricchezza. La Giornata Nazionale dell’accoglienza

Si celebrerà per la prima volta in Italia la Giornata Nazionale dell'accoglienza, sabato 5 aprile, per provare a comprendere che la diversità è ricchezza

L’Italia prevede alcuni programmi di solidarietà che riguardano l’accoglienza temporanea di minori stranieri. Per un periodo di 120 giorni, bambini e adolescenti stranieri che si trovano in situazioni di difficoltà, vengono ospitati nel nostro Paese grazie ad associazioni, enti, famiglie e qualche parrocchia. Tra le associazioni, spicca senz’altro Incanta, che ha organizzato per sabato 5 aprile 2014 la prima Giornata Nazionale dell’ accoglienza, intitolata L’accoglienza incanta.

giornata nazionale dell'accoglienzaL’ACCOGLIENZA DEI MINORI IN ITALIA – Il fenomeno dell’accoglienza temporanea è nato in seguito al disastro di Chernobyl, quando, il 26 aprile 1986, esplose una centrale nucleare che formò una nube radioattiva. La nube velenosa raggiunse numerosi Paesi dell’Est europeo: i più colpiti furono la Bielorussia, l’Ucraina e la Russia.

Proprio a causa di questo disastro il mondo si mobilitò in diversi modi, con lo scopo di aiutare le popolazioni colpite. Uno degli interventi più importanti fu quello di creare programmi di solidarietà per i bambini delle zone più colpite dalla nube tossica, facendoli soggiornare in luoghi non contaminati. Da quella esperienza è emerso che le famiglie e le associazioni italiane hanno mostrato un interesse, un impegno e una costanza non riscontrati negli altri Paesi europei. Ed è proprio l’Italia che, negli anni, ha esteso i programmi di accoglienza temporanea di minori stranieri anche ad altre realtà e ha sviluppato queste esperienze di solidarietà anche da un punto di vista istituzionale, normativo e amministrativo.

Il verificarsi di gravi situazioni d’emergenza nei Paesi d’origine, che potessero causare gravi conseguenze psichiche e fisiche nei bambini e negli adolescenti, è stato il motivo per cui le famiglie e le associazioni italiane hanno deciso di rivolgere la loro solidarietà anche ai bambini e agli adolescenti provenienti dall’Algeria, dalla Bosnia, dalla Siria e da molti altri luoghi del mondo dove si vivono situazioni di povertà, di abbandono e di insicurezza sociale ed economica.

Così, i punti fondamentali sui quali si basano i programmi di accoglienza italiani sono: il risanamento fisico e la creazione di nuovi legami affettivi, favorendo la socializzazione attraverso esperienze di incontro e condivisione con altri bambini e adolescenti e anche con figure adulte di riferimento sia in contesti sociali che familiari, che stimolino il sano sviluppo psico-fisico e la valorizzazione delle risorse individuali.

ACCOGLIENZAMa l’impegno delle famiglie e delle associazioni italiane non finisce dopo i 120 giorni di accoglienza. Esse, infatti, continuano a seguire e supportare i bambini e gli adolescenti che hanno accolto anche durante la permanenza nel Paese d’origine. Diverse sono le associazioni italiane che operano nei Paesi di provenienza dei minori attraverso l’invio di aiuti umanitari, la ristrutturazione degli istituti dove vivono molti dei minori coinvolti nei programmi di solidarietà, il sostegno a distanza, fino all’apertura e alla gestione diretta di case-famiglia per gli stessi ragazzi.

Alcuni enti, inoltre, organizzano anche viaggi di solidarietà nei Paesi di origine dei minori, per far conoscere alle famiglie che li ospitano in Italia la realtà nella quale hanno vissuto e sensibilizzarli circa le loro necessità sociali, educative, economiche e culturali, favorendo la migliore interazione con i bambini e la migliore efficacia delle diverse iniziative di solidarietà.

L’ACCOGLIENZA INCANTA –  In particolare, l’associazione Incanta ha organizzato per la prima Giornata Nazionale dell’accoglienza, un evento che si svolgerà in tutta Italia, da nord a sud, attraverso decine di concerti per raccogliere fondi e sensibilizzare i cittadini di tutta Italia sul fenomeno dell’accoglienza temporanea dei minori stranieri.

La parola costitutiva dell’associazione, incanta, racchiude un mondo di significati e di senso: non a caso Incanta nasce, secondo i fondatori, dall’unione di INcontro e CANTO. E dall’intenzione di non perdere mai la capacità di incantarsi di fronte al mondo e all’altro, alla natura e alle persone. Su questa filosofia, l’associazione ha realizzato le decine di eventi in tutto il Paese: per creare spazi, luoghi, momenti, occasioni dove la diversità sia ricchezza, dove l’ascolto reciproco sia fonte di ricerca e approfondimento, dove conoscere e partecipare sonorità, culture, letture del mondo diverse sia terreno di accoglienza, di pacificazione, di solidarietà.

Di seguito riportiamo la locandina con l’elenco dei concerti che si svolgeranno domani, 5 aprile 2014, in contemporanea in tutta Italia. L’elenco è in continuo aggiornamento. Per controllare luoghi e orari dei concerti e avere maggiori informazioni, basta visitare il sito dell’associazione Incanta, www.associazioneincanta.it.

Giornata Nazionale AccoglienzaVi lasciamo con la poesia di un Anonimo, perché queste parole possano farci riflettere sull’importanza dell’accoglienza e della solidarietà.

Solidarietà è accoglienza,

abbraccio, ascolto, reciprocità, speranza,

è camminare insieme:

l’incontro non è possesso, ma un dono:

non una intromissione, ma una presenza;

non un disturbo, ma un riposo e un aiuto;

non una umiliazione, ma un sollevamento.

Per incontrarsi è necessario uscire da se stessi,

dai propri pensieri, dalle proprie preoccupazioni

e andare verso l’altro come disarmati

per poterlo cogliere nella sua originalità.

L’incontro presuppone un esodo e un abbraccio.

(anonimo)

Mariangela Campo

@MariCampo81

Fonte: Minori stranieri. Accoglienza temporanea in Italia. Relazione della Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, Comitato per i minori stranieri al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, 2011.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews