Dire basta alla paura di volare: è possibile

Il ministero della Salute ha riconosciuto Palermo come Centro di riferimento per un particolare disturbo multifattoriale: la paura di volare. Sono molte le persone a soffrirne al punto da rinunciare per sempre all’idea di prendere un aereo e viaggiare per il mondo. Secondo le statistiche un italiano su due ha paura di volare e un terzo di questo cinquanta percento rinuncia a prendere un aereo.

A Palermo però si è corsi ai ripari. Cinque anni fa è stato creato quello che oggi è l’unico corso pubblico in Italia che si occupi di “curare” questa fobia.

Il corso prevede un ticket di 100 euro e 10 sedute; rientra inoltre in un progetto scientifico con follow up dei pazienti dopo sei mesi.

E’ stata Maria Teresa Triscari, psicologa che dirige il progetto, ad attivare questo corso. Lei, insieme ad un team di psicologi a gestire il corso che si tiene in un vero e proprio laboratorio ed è organizzato in collaborazione con Wind Jet, Gesap Aeroporto di Palermo ed Enav, l’Ente nazionale di assistenza al volo.

Una delle tappe previste per gli iscritti intenzionati a vincere la paura del volo, riguarda la simulazione del volo stesso.

Si tratta di un volo virtuale, che dura solo pochi minuti, con monitor e pedane che rendono l’esperienza il più reale possibile. Possono essere ricreate anche situazioni di turbolenza e le diverse fasi del volo.

Dopo la simulazione virtuale si passerà alla simulazione vera e propria in un vero aeroporto su  un vero aereo con il motore acceso. In questa occasione inoltre, sarà possibile per i partecipanti visitare la sala radar e la torre di controllo.

Dopo tutte queste simulazioni accompagnate dal sostegno psicologico del team che li segue, i “pazienti” sono finalmente pronti per la grande prova finale: un volo da Palermo a Roma, andata e ritorno.

Maria Teresa Triscari spiega come in cinque anni gli iscritti al corso siano stati 700; da una ricerca su 450 di loro è emerso che il 99 percento era riuscito a sconfiggere la paura di volare grazie all’aiuto degli psicologi che li hanno seguiti durante l’intero corso.

Questo corso è differente da quelli organizzati privatamente da Lufthansa e Alitalia. Il motivo è che solamente questo corso pubblico realizzato a Palermo prevede una fase di valutazione dei partecipanti, trascorsi sei mesi dal corso, che inoltre ha una durata di 10 lezioni a differenza di quelli privati che ne garantiscono al massimo un paio.

Insomma, la soluzione per chi ha paura di volare è semplice: recarsi a Palermo e seguire questo efficace corso. Per chi abita lontano dalla città siciliana, raggiungerla senza prendere un aereo, potrebbe diventare però una soluzione alquanto scomoda.

 Fonte: Corriere della Sera

 Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews