Dean Karnazes, il maratoneta che non si ferma mai

Dean Karnazes (www.tgcom24.it)

Dean Karnazes (www.tgcom24.it)

California – È risaputo che ogni essere umano ha un limite rispetto alla fatica e che questo limite dipende dalla produzione di acido lattico del corpo dopo un lungo esercizio fisico. Tutti, certamente, avranno sperimentato quella sensazione di bruciore muscolare, del cuore in gola, dei polmoni senza fiato  che bloccano i muscoli. Tuttavia, esiste un uomo il cui rendimento fisico non risente minimamente della fatica muscolare: si tratta di Dean Karnazes, un runner californiano che pare sia in grado di correre in eterno.

Infatti, nonostante abbia partecipato a corse estreme come la maratona del Polo Sud che si corre a circa 25 gradi sotto zero, Karnazes non ha mai avuto un crampo muscolare, neanche dopo aver percorso correndo centosessanta chilometri. Dunque, il suo unico limite potrebbe essere solo mentale: «A un certo grado di intensità ho come la sensazione che potrei andare a vanti a correre senza stancarmi mai. Non importa che tipo di sforzo faccio, i miei muscoli non si bloccano mai. Ho corso per tre giorni di seguito senza dormire. Ho anche provato sedute di sleep running, durante le quali mi addormentavo in movimento». Queste le parole del formidabile corridore durante una intervista rilasciata al «The Guardian».

Il super runner si è sottoposto a diversi e specifici esami clinici, dai quali è emerso che ha una straordinaria soglia anaerobica. Oltre questa soglia la produzione di anidride carbonica, la ventilazione e il livello di acido lattico prodotto crescono rapidamente. Ma non nel corpo di Dean che ha una produzione di acido lattico decisamente sotto la media. Inoltre, il suo corpo è in grado di trasformare quell’acido lattico in energia da usare durante lo sforzo fisico.

Dal canto suo Karnazes crede e afferma che la sua abilità sia dovuta anche alla bassa quantità di grasso del suo corpo, a un basso livello di sudorazione, a una dieta particolare e a una bassa esposizione alle tossine. Insomma, a uno stile di vita sano. Alcuni scienziati ritengono che sarebbe interessante effettuare delle analisi sul fratello del super runner, un giocatore di pallavolo che non ha mai corso da piccolo in modo da poter scoprire se le capacità di Dean siano uniche o sviluppate anche negli altri membri della sua famiglia.

Mariangela Campo

 Foto: www.tgcom24.it; www.theguardian.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews