Ddl Cirinnà: perché solo per i gay?

cirinnà

Come noi di WakeUpNews abbiamo già anticipato, uno dei prossimi disegni di legge oggetto di enormi politiche, soprattutto dopo il referendum irlandese, sarà il ddl Cirinnà. Cioè il testo che prevede l’istituzione delle unioni civili fra persone dello stesso sesso e, di conseguenza, alcuni diritti per i/le conviventi. Gli intenti della legge sono molti fra cui quello di intervenire nel diritto di abitazione, di successione nel contratto di locazione, garantire il risarcimento del danno causato da fatto illecito da cui è derivata la morte di una delle parti del contratto di convivenza, e anche permettere l’adozione del figlio biologico o adottivo di uno dei due conviventi. Senza entrare nel merito delle proposte e aprire l’eterno dibattito fra favorevoli e contrari, c’è una questione che nessuno ha sottolineato. E cioè che le unioni civili non saranno previste per le coppie eterosessuali.

SOLO PER GAY - Il nome del primo titolo della legge potrebbe ingannare: «Delle unioni civili». Ma basta leggere la denominazione dell’articolo 1 per rendersi conto che c’è qualcosa che non va: «Costituzione dell’unione civile tra persone dello stesso sesso». E se si leggono tutti i 19 articoli del ddl Cirinnà si parla solo e soltanto di unioni civili per persone dello stesso sesso. Le coppie composte da persone di sesso opposto non sono considerate.

cirinnà

DISCRIMINATI A CHI - Se ci si pensa, la conclusione da trarre è a dir poco assurda. Perché se il ddl Cirinnà entrasse in vigore senza modifiche (per ora è stato approvato solo dalla commissione Giustizia del Senato) ad essere discriminate sarebbero le coppie formate da due persone di sesso opposto a vantaggio delle coppie gay. Sarebbe un bel paradosso se le associazione LGBT che in questi anni hanno parlato tanto di discriminazione non dicessero niente a questo proposito.

MOTIVI ECONOMICI? - Pensare che la relatrice del ddl Cirinnà non abbia pensato alle coppie eterosessuali per sbaglio è lecito. Ma lo è anche pensare che non sia certo una casualità. Per quale motivo ipotetico si sarebbe deciso di escludere le coppie eterosessuali che non intendono sposarsi? Forse perché, come ha detto anche l’avvocato Simone Pillon, se anche a loro fossero concessi i diritti previdenziali allora la finanza pubblica potrebbe risentirne pesantemente. Ma allora perché si è deciso di tutelare gli omosessuali al posto degli eterosessuali? Si è davanti ad un caso di eterofobia?

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: formiche.net; comune.genova.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Ddl Cirinnà: perché solo per i gay?

  1. avatar
    Anna 15/06/2015 a 18:49

    Essere davanti ad un caso di eterofobia è ridicolo.

    Diciamo che vogliamo risolvere le cose all’italiana… non risolvendo niente.
    La legge che vogliono sfornare è ,come dice Giacomo Cangi , discriminante , per che esclude gli etero , è anticostituzionale .
    probabilmente passerà fin che un giudice la dichiara anticostituzionale …cosi stiamo da capo e i decenni passano ….

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews