Danzare nella Tempesta: Shakespeare sul palco di Ravello con Before Break di Michela Lucenti

Per i 400 anni dalla scomparsa di William Shakespeare il Ravello Festival 2016 punta sul balletto Civile di Michela Lucenti e sul suo Before Break, riadattamento in danza de La Tempesta del Bardo

Balletto-Civile-michela-lucenti-ravello-before-break

Il Balletto Civile di Michela Lucenti in scena stasera sul palco del Ravello Festival (ravellofestival.com)

Sul meraviglioso palco di Villa Rufolo a Ravello, affacciato sulla costiera amalfitana, è tempo di danza. Dopo il primo mese di programmazione del Ravello Festival, giunto ormai alla 64esima edizione, il cartellone votato principalmente alla musica sinfonica e a incursioni jazz svolta verso l’arte tersicorea, con il primo di una serie di eventi curati dalla direttrice artistica Laura Valente, responsabile delle sezioni Danza/Tendenze e Nuovi Linguaggi /Progetti Speciali/Formazione. Il primo appuntamento, in prima assoluta, stasera giovedì 28 luglio alle ore 21.45 è Before Break, balletto liberamente ispirato a La Tempesta di Shakespeare.

Con musiche dal vivo di Julia Kentper, per la regia e la coreografia di Michela Lucenti e del suo balletto Civile. L’appuntamento è il primo tributo al bardo della Lucenti (la compagnia sarà protagonista anche il 2 agosto con Killing Desdemona), in occasione dei 400 anni dalla morte. “La nostra indagine - spiega Michela Lucenti – è partita da un grande testo, in apparenza una favola che sembra fuori dal tempo e dallo spazio, tradizionalmente interpretata come il dramma del perdono e della riconciliazione con il mondo. Nella quale invece convivono tutte le contraddizioni che attanagliano l’uomo tra ciò che è sfuggente illusione e ricerca feroce della realtà, anche come conoscenza della propria precarietà e finitudine, così come della propria imperfezione e debolezza. I nostri Ariel e Calibano si moltiplicano in un susseguirsi di tentativi di vero combattimento tra le nature opposte che ci guidano”.

L’esperienza degli spettatori sarà solo in apparenza quella consueta, ma sin da subito il coinvolgimento tenderà ad essere più un cammino di conoscenza, confrontando di momento in momento, di scena in scena, la propria conoscenza con quella dei personaggi. In scena Fabio Bergaglio, Maurizio Camilli, Ambra Chiarello, Aziz El Youssoufi, Giovanni Leonarduzzi, Michela Lucenti, Maurizio Lucenti, Alessandro Pallecchi, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Demian Troiano, Natalia Vallebona. Su un palco che, da ormai diversi anni, riesce ad ospitare artisti di indubbia fama e professionalità emergenti, unendo al piacere del repertorio classico ballato dai migliori étoile internazionali il gusto della sperimentazione con nomi e compagnie spesso italiane. Come Michela Lucenti, in bilico tra Pina Bausch e Jerzy Grotowski, autrice, realizzatrice ed esecutrice di un progetto artistico caratterizzato fin dalla nascita dalla ricerca di un linguaggio scenico “totale”, di interazione tra teatro, danza e canto.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews