Dannato vivere: il nuovo album dei Negrita

Esce nei negozi questa settimana l’ottavo album dei Negrita, intitolato Dannato Vivere. Dopo la parentesi musicale marcatamente influenzata dalle sonorità latine (rappresentata dagli ultimi due album L’uomo sogna di volare ed HELLdorado) la band originaria di Arezzo torna (parzialmente) a sonorità rock più classiche. Ma se la band toscana si è fatta conoscere durante gli anni ’90 per un rock americaneggiante di ottima fattura e di elevato livello tecnico, le influenze si spostano ora sul mondo inglese. Chiare infatti le influenze dei mostri sacri del rock inglese, come Rolling Stones, Clash e Led Zeppelin, così come evidente è l’influenza della scena post-punk di inizio anni ’80. Non solo rock classico però, in quanto i riferimenti musicali spaziano molto, andando a toccare altri generi quali lo ska, il reggae, l’elettronica. Senza poi dimenticare l’influenza latina, marchio di fabbrica degli ultimi due lavori del gruppo, ora parzialmente in disparte, ma sempre presente.

Il disco comincia con una Junkie beat che ricorda molto le atmosfere degli ultimi Red Hot Chili Peppers, con chitarra leggermente elettrica di sottofondo e leggera melodia distorta di sottofondo che accompagna il ritornello. Fuori controllo è un brano dai sapori funky e ska, mescolati a un sostenuto rock classico condito da un buon assolo. Si prosegue con Brucerò per te, primo singolo estratto, canzone di stampo rock dai profondi sentori zeppeliniani (chiaro il tributo a All My Love). Uno degli apici del disco per intensità e arrangiamento. Immobili continua il percorso intrapreso dai primi pezzi, con un lento rock cadenzato e ben arrangiato, a cui è stato aggiunto un leggero tocco di elettronica. Per le vie del borgo e Il giorno delle verità proseguono la strada intrapresa con gli stessi umori dei primi brani. Dannato vivere, titletrack del disco, strizza l’occhio al moderno pop-rock da classifica, con un finale più sostenuto. La successiva La vita incandescente ritorna a percorrere i percorsi intrapresi da Immobili: un tocco di elettronica, groove di basso e buon lavoro alle chitarre. Si prosegue con Un giorno di ordinaria magia mescola sentori hip hop con ritmi latini e reggae che sembrano rubati agli UB40, echi lontani delle ultime esperienze musicali del gruppo. Il riff iniziale di Bonjour potrebbe essere stato rubato da un b-side dei Rolling Stones, mentre il brano si sviluppa successivamente su toni più pacati, con un finale cantato in francese. La musica leggera è potentissima si muove su giro di basso di derivazione Red Hot-iana, per andare su coordinate ibride a metà strada tra pop, ska e reggae. Panico ritorna su toni più sostenuti, con cori di stampo punk. Splendido conclude l’album con delicatezza: un dolce inno di speranza, che si trasforma, nella parte conclusiva, in un travolgente elettro-rock che chiude l’album in dissolvenza.

Questo nuovo lavoro dei Negrita rappresenta probabilmente un nuovo inizio per la band di Arezzo: il rock duro degli esordi, dopo essere stato stemperato dalle influenze latine dell’ultimo periodo, si è trasformato in un elettro pop rock di stampo inglese. La band si diverte a sperimentare nuove sonorità e a spaziare tra moltissimi generi diversi, partendo dal rock più classico per arrivare ad un pop da classifica, passando però attraverso reggae, ska, punk, post-punk, elettronica e musica latina; il cui risultato è un mix eclettico e mai scontato.

I fan dei primi lavori della band probabilmente rimarranno delusi: praticamente inesistenti i riffoni di chitarra sullo stile di Mama Maè o Cambio, così come i grandi assoli di canzoni quali Man in the Corner o Lontani dal Mondo; in virtù di un lavoro più preciso sugli accompagnamenti e sugli arrangiamenti dei singoli pezzi. Una nota particolare ai testi della band toscana, da sempre profondi e mai banali, che si distinguono sempre dalla mediocrità scontata proposta da molti artisti dei giorni nostri.

Concludiamo comunicando che le prime date del loro tour di supporto all’album sono già state annunciate. Biglietti disponibili sul circuito Ticketone. Ecco le date:

31/01/2012 –  Mandela Forum di Firenze
03/02/2012 –  PalaFabris di Padova
04/02/2012 –  PalaLottomatica di Roma
07/02/2012 –  PalaOlimpico di Torino
10/02/2012 –  Unipol Arena di Bologna
11/02/2012 –  Mediolanum Forum di Milano

Alberto Staiz

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews