D’Alema e il ‘piccione’ Renzi ai ferri corti. Il Pd ha le ore contate?

d'alema, renzi, pd

Massimo D'Alema e Matteo Renzi

Al convengo “Fare il Pd” oggi a Roma, iniziativa promossa dal Partito Democratico nella Capitale, Massimo D’Alema c’è andato giù duro con Matteo Renzi.

Ancora una volta: «Renzi? Credo che giochi un po’ a fare la vittima. Secondo me sbaglia, dovrebbe essere qui». Assente all’iniziativa infatti il sindaco di Firenze, che proprio ieri aveva parlato senza troppi giri di parole della posizione di una parte del partito nei suoi confronti.

Vero e proprio, a suo dire, tiro al piccione: «In privato tutti mi dicono Matteo, stai buono, ti facciamo fare il candidato premier. Stai buono, che poi tocca a te. Insomma, un bambino bizzoso cui si promette la caramella se non piange. Signori, conosco il giochino, i capicorrente romani prediligono lo sport del tiro al piccione. E io sinceramente non ho molta voglia di fare il piccione».

Un Pd a rischio scissione, ormai una prospettiva reale che per alcuni pare essere quella migliore. D’Alema e Renzi rappresentano due entità politiche troppo differenti per poter continuare a esistere in una stessa corrente.

E nonostante le smentite di Massimo D’Alema – «Non nasce nessun correntone, questa è un’idiozia, non so chi l’abbia scritto» – il vulcano in attività che è oggi il Partito Democratico è pronto a esplodere.

Gian Piero Bruno

@GianFou

Foto: notiziediprato.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews