Coniuge assente o sfaticato? Arriva il “marito in affitto”

marito in affitto

Il marito in affitto è la soluzione perfetta ai frequenti problemi domestici

Il marito in affitto, una conquista delle donne del terzo millennio, ma non solo. Un marito tuttofare, disposto a riparare persiane, aggiustare rubinetti gocciolanti, liberare scarichi otturati o cambiare le gomme dell’auto. Il tutto senza discutere e per soli venti-trenta euro l’ora. Una figura così esiste e spesso non è quella tradizionale, che porta la fede al dito, ma un professionista rintracciabile su internet, e che si può “prenotare” per le esigenze domestiche più svariate.

In Italia sempre più casalinghe insoddisfatte ricorrono al marito in affitto, con una media di duecento chiamate a settimana, per circa novanta mariti tuttofare sparsi in diciannove regioni italiane e centocinquanta in dodici paesi esteri. L’85% delle richieste proviene da donne, sposate o single, mentre il restante 15% da uomini incapaci o disposti a pagare pur di non alzare un dito nei lavori domestici.

Il marito in affitto, o Le mari à louer e Your legs come lo si definisce all’estero, è un modo originale di inventarsi un lavoro in tempi di crisi, facendo fronte a un bisogno semplice e chiaro: rendere le donne indipendenti da parenti ed amici nel risolvere i problemi di casa, affidandosi ad un professionista affidabile e reperibile ventiquattro ore al giorno. É questo il motto della società italiana in franchising Il marito in affitto, il cui marchio accattivante è nato nel 2007 da un’idea vincente di Gian Piero e Fabio Cerizza.

Primo ad inventare il servizio per le piccole riparazioni, Gian Piero Cerizza ha deciso di far fruttare il suo talento con i lavori domestici, nel momento in cui il suo mestiere da carrozziere cominciava ad andare male. Il successo della ditta, inizialmente individuale e presente solo sul territorio italiano, ha permesso di creare nel 2011 una struttura europea di franchising. Si tratta della Europäiches Franchise-Unternehmen, oggi presente in Italia, Belgio, Austria, Germania, Francia, Lussemburgo, Svezia, Olanda, Danimarca e Svizzera. Basta andare su internet, selezionare il profilo del marito in affitto più vicino e che più si adatta alle nostre esigenze, contattarlo e il gioco è fatto.

cassetta degli attrezzi

Le piccole riparazioni sono all'ordine del giorno in ogni abitazione

É possibile addirittura acquistare un marito in affitto su Groupon, il famoso sito di acquisti on-line che permette agli iscritti di avvalersi di vantaggiosi buoni sconto. Così, navigando tra le offerte di viaggi, ristoranti, cura del corpo e tempo libero, si legge anche: «Marito in affitto con manodopera e riparazioni domestiche per problemi idraulici, elettrici, infissi e carpenteria a scelta tra 2, 4 o 8 ore a partire da 19 euro invece di 72».

Al di là della malizia e della facile ironia che il nome può suscitare, l’ampiezza del fenomeno dimostra che si tratta di una cosa seria, che offre concrete opportunità di lavoro a chi è disoccupato o chi ha necessità di arrotondare gli introiti mensili. Il solo prerequisito è aver voglia di fare e di sapersi destreggiare nei lavori domestici, senza limiti di età.

Un’idea semplice e vincente, almeno fino a quando le donne non impareranno a riparare rubinetti.

Cristina Casini

@cristina_casini

Foto: images.virgilio.it; deabyday.tv

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews