Cina: lo spettacolo acclamato (e criticato) dei maiali volanti

Cina: organizzata una gara di nuoto tra dieci maiali, con il tuffo degli animali da una piattaforma alta sei metri che ha sollevato critiche molto dure

Il tuffo dei dieci maiali in Cina (www.telegraph.co.uk)

Il tuffo dei dieci maiali in Cina (www.telegraph.co.uk)

CHANGSHA, HUNAN (CINA CENTRO-MERIDIONALE) – In occasione del ponte del primo maggio un gruppo di dieci maiali ha preso parte ad una singolare gara di nuoto, che si è svolta presso il lago Shyian, a Changsha, nella provincia cinese di Hunan. I maiali sono stati lanciati da una piattaforma alta sei metri: dopo il tuffo, hanno nuotato fino al traguardo lungo una corsia delimitata da canne di bambù. L’evento ha riscosso molto successo ma anche durissime critiche da parte degli animalisti che hanno accusato gli organizzatori di maltrattamento di animali.

MAIALI VOLANTI – I dieci maiali erano identificabili grazie ad un numero rosso dipinto sui fianchi: sono stati radunati su una piattaforma alta sei metri e poi punzecchiati con un bastone per farli tuffare. Una volta in acqua, gli animali hanno intrapreso una vera e propria gara all’interno di un’unica corsia delimitata da canne di bambù. Questo spettacolo è stato molto gradito dai turisti, che a migliaia si sono fermati a fotografare i maiali “volanti”, mentre è stato duramente criticato dagli animalisti. Ma l’organizzatore e l’ideatore della gara, Shi Huang, ha detto che i maiali non sono stati affatto maltrattati: «I suini sono stati accuratamente addestrati per eseguire questo tuffo e poi ricompensati col cibo. Chiunque dichiari che i maiali siano stati maltrattati non sa che questi animali adorano l’acqua».

(www.telegraph.co.uk)

(www.telegraph.co.uk)

Gli animalisti, però, non ci stanno: secondo loro anche se i maiali adorano l’acqua, di certo non hanno gradito il tuffo da una piattaforma alta sei metri. Anche molte persone che hanno visto le foto dell’evento sui social, non hanno trovato lo spettacolo dei maiali “volanti” divertente: anzi, alcuni lo hanno definito “disgustoso” e “nauseante”. Qualcuno ha anche parlato di tortura. Scrive Giselle Kuchirka: «Cosa c’è di così divertente nel costringere degli animali spaventati a fare qualcosa che normalmente non farebbero mai?».

Lettori di WakeUpNews, voi che cosa ne pensate?

Mariangela Campo

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews