Cina, falsi frammenti di meteorite in vendita contro la depressione

meteorite in vendita

Frammenti di meteorite vengono analizzati al centro di nanotecnologie dell'università degli Urali

Cina – Vendere frammenti non autentici di meteorite e professare i loro effetti miracolosi contro la depressione. È l’ultima trovata di alcuni truffatori cinesi che in questi giorni hanno dato il via un curioso commercio online utilizzando siti internet come taobao.com. Il pretesto è la pioggia di meteoriti che, il 15 di febbraio, si è abbattuta violentemente sulla regione russa di Chelyabinsk, sui monti Urali, a 1.500 chilometri a est di Mosca, provocando 1.200 feriti e danni per 22 milioni di euro.

Secondo la stampa locale, per acquistare un frammento del presunto corpo celeste bisogna sborsare dagli 8 mila (poco più di 800 euro) ai 100 mila yuan (poco più di 10 mila euro), in base al peso specifico. Prezzi da capogiro per riuscire a ottenere i famigerati effetti terapeutici antidepressivi sprigionati dai piccoli oggetti celesti. Peccato che, stando a quanto riferiscono gli esperti, i pezzi di meteorite in vendita sul web sono molto lontani dall’essere autentici e la prova di questo sta nell’assenza del numero seriale che gli organismi internazionali ufficiali sono soliti apporre sui resti.

Frammento di meteorite vicino al luogo dell'impatto con la Terra

Ma i venditori virtuali difendono la genuinità dei loro oggetti:  secondo uno di questi, per esempio, i frammenti di meteorite sono stati portati da un suo amico che si sarebbe recato nella regione russa protagonista dell’evento calamitoso di una decina di giorni fa e che sarebbe incappato nel prezioso ritrovamento. Tutti i venditori, per pubblicizzare meglio le loro pietruzze, sono pronti a garantire che, se portati addosso, i frammenti di meteorite curano dalla depressione.

Intanto, Tang Haiming, funzionario dell’osservatorio astronomico di Shanghai, sottolinea: «Quelli in vendita sono sicuramente dei falsi. Se fossero veri dovrebbero avere un numero seriale attribuito dalle organizzazioni internazionali ufficiali». Secondo lui, le i frammenti venduti a caro prezzo sui siti cinesi non sono altro che semplici residui ferrosi derivanti dalla fabbricazione dell’acciaio che, in molti casi, hanno un aspetto simile a pezzi di meteorite. Inoltre, il funzionario smonta la teoria degli effetti benefici sulla salute e, anzi, mette in guardia da eventuali complicazioni: «l’innocuità di questo materiale per l’uomo non è ancora stata provata». Anche Zhu Jin, curatore del planetario di Pechino, è della stessa idea: «Circa il 95% di questi frammenti venduti online è stato fabbricato dall’uomo». In definitiva, i due scienziati lanciano l’allarme e sconsigliano vivamente di fare questo tipo di acquisti per non andare incontro a una truffa colossale.

Nel frattempo, dalle prime analisi dei 53 frammenti del meteorite caduti in Russia è emerso che si trattava di una condrite ordinaria – uno degli oggetti più antichi del sistema solare contenente un minerale chiamato olivina – composta da zolfo, da ossigeno e per il 10% circa da ferro. Secondo gli ultimi dati della Nasa, il meteorite aveva un diametro compreso fra 15 e 17 metri e pesava circa 10 mila tonnellate.

Chiara Piselli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews