Cina: Bo Xilai condannato all’ergastolo

Bo Xilai (www.ilcittadinomb.it)

Bo Xilai (www.ilcittadinomb.it)

Shangai – È arrivata la sentenza nel processo a Bo Xilai, popolarissimo leader del partito comunista cinese della megalopoli di Chonqing. L’ex segretario del partito comunista è stato condannato all’ergastolo: è stato riconosciuto colpevole di corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere. L’uomo, nel 2010, era diventato famoso per aver debellato l’organizzazione mafiosa più potente della città di Chonqing, che conta circa trenta milioni di abitanti: il politico, infatti, quando era segretario di partito, si era sbarazzato o aveva ricattato chi non lo appoggiava all’interno della campagna contro la mafia che contava oltre novemila indagati. Proprio in considerazione della popolarità ottenuta in seguito a questa manovra, Bo Xilai puntava al Comitato permanente del Politburo, il vertice del potere cinese.

Il processo all’ormai ex politico si era tenuto dal 22 al 26 agosto scorsi:  Wang Lijun, capo della polizia di Chongqing ed ex braccio destro di Bo Xilai aveva testimoniato contro di lui e proprio dalle sue dichiarazioni era cominciata l’indagine che ha portato alla caduta del leader carismatico. In seguito alle accuse del capo della polizia, il politico sessantaquattrenne fu fatto sparire per ben diciotto mesi durante i quali è stato ripetutamente interrogato senza, peraltro, ottenere da lui dichiarazioni di colpa. È evidente che nel partito era in corso una lotta di potere come appare altrettanto chiaro che il presidente Xi Jinping stia usando la lotta alla corruzione per liberarsi dei suoi rivali politici.

La stampa nazionale ed internazionale è venuta a conoscenza di questi fatti perché il tribunale ha diffuso online le testimonianze durante il processo. Intanto, Bo Xilai ha scritto una lettera dalla prigione, nella quale si legge: «Il mio nome un giorno, sarà riabilitato. Io aspetterò tranquillo in prigione». In due processi paralleli,  tra l’altro, sono stati già condannati sua moglie Gu Kailai, per l’omicidio di un uomo d’affari britannico, Neil Heywood, da cui è dipesa l’accusa di abuso di potere di Bo Xilai per aver coperto la moglie e anche Wang Lijun, ex capo della polizia di Chongqing.

Mariangela Campo

Foto: www.cnn.com; www.ilcittadinomb.it

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews