Chi è la suora mamma di San Severino. Il vescovo: “cose che capitano”

suora mamma di san severino

La storia della ‘suora’ mamma di San Severino. Si dedicherà al figlio con l’appoggio dei confratelli e consorelle (huffpost.com)

La storia della nuova ‘suora’ mamma di San Severino è uno degli ultimi temi caldi discussi dai media italiani. La donna si era recata all’ospedale di San Severino accusando un mal di pancia e un rigonfiamento dello stomaco, accompagnata da una consorella apparentemente ignara del “misfatto”, per poi dare alla luce il piccolo con un parto naturale.

NUOVE RIVELAZIONI - Nelle ultime ore si è appreso che la ‘suora’ mamma ha subito purtroppo violenze sessuali nel suo Paese di origine e, raccontando il triste accaduto alle consorelle marchigiane, insieme hanno deciso di tenere segreta la gravidanza fino al parto. Secondo le rivelazioni di una consorella, la religiosa africana non aveva ancora preso i voti in maniera ufficiale, era solo all’inizio del cammino mistico e, viste le circostanze, lascerà il percorso iniziato per dedicarsi alla vita da mamma. A detta delle ultime fonti, alcune consorelle erano a conoscenza della gravidanza della religiosa ma, per rispetto della particolare situazione, hanno tenuto il silenzio sino a ora.

LA STORIA DELLA ‘SUORA’ MAMMA DI SAN SEVERINO - La donna, già al momento del ricovero in ospedale, aveva comunicato ai medici di voler restare la tutrice del bambino.  La ‘suora’ mamma, di origini africane (del Burundi), risiede da alcuni mesi nel convento delle Sorelle Missionarie dell’Amore di Cristo e, secondo quanto riportato fino a poche ore fa, nessuna delle sue consorelle nutriva il minimo sospetto che la donna fosse il dolce attesa. In un primo momento si riteneva che la religiosa fosse una suora di clausura, ipotesi smentita da alcune monache del convento marchigiano.

Il convento delle Sorelle Missionarie dell’Amore di Cristo dove risiedeva la suora mamma (cronachemaceratesi.it)

PARTO MISTERIOSO - Dopo il parto, nessuno dei religiosi vicini alla donna si è pronunciato a riguardo e l’ospedale ha mantenuto il rispetto della privacy della donna mentre, sul web, sono esplose le critiche, le battute di spirito e le difese rivolte alla suora straniera che oggi ha deciso di lasciare i voti per svolgere il compito di madre. Da poche ore è stato diffuso l’identikit della fantomatica suora mamma di San Severino. Per i più curiosi, la religiosa straniera ha trentacinque anni, è di corporatura robusta ed è alta. La suora, decisa a dedicarsi completamente al lavoro di mamma, è stata adesso affidata alle cure di una casa famiglia.

VUOLE DEDICARSI AL FIGLIO - Dopo il parto, il bambino aveva riscontrato dei problemi respiratori ed è stato trasferito al reparto pediatrico dell’ospedale di Macerata. La religiosa, decisa a dedicarsi totalmente al lavoro di mamma, dopo essere stata dimessa dall’ospedale di San Severino si è recata a Macerata per stringere fra le braccia il nuovo arrivato. La donna resterà ancora qualche giorno presso il convento delle sorelle Missionarie dell’Amore di Cristo prima di entrare, con il bebè, in una casa famiglia.

I RELIGIOSI COMPRENSIVI E FRATERNI – Le opinioni discordanti degli abitanti marchigiani sulla decisione della religiosa di diventare una mamma a tempo pieno e la nuvola scandalistica comparsa sull’intero caso sembrano essere state placate dalle dichiarazioni dell’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche  Mons. Francesco Giovanni Brugnaro il quale, sottolineando il fatto che la storia della ‘suora’ mamma non sia fra le sue competenze, ha voluto esprimere un pensiero benevolo in favore della religiosa:

Succedono casi del genere, dipende ora dalla monaca se lascerà l’istituto religioso per avere cura del piccolo

La mamma suora non sarà scomunicata e l’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche ha rilasciato parole fraterne sul caso, riflettendo sul fatto che, in fondo, queste sono cose che capitano (ansa.it)

IN ITALIA PER STUDIARE LA LINGUA – Una delle suore  facente parte delle Sorelle Missionarie dell’Amore di Cristo ha raccontato che la religiosa era stata ospitata dal convento per imparare la lingua italiana e che il bimbo, ricoverato presso l’ospedale di Macerata, è in buone condizioni di salute.

NIENTE SCOMUNICA - Nonostante i chiacchiericci sul caso già proponessero la scomunica, la consorella della mamma ha dichiarato che questa procedura si applica solo in situazioni molto importanti e non può essere emessa se una religiosa diventa mamma. Al fronte delle ultime rivelazioni, in ogni caso, le premesse per la scomunica non sussisterebbero in quanto la religiosa non aveva ancora preso i voti ufficiali.  I religiosi marchigiani si sono espressi in maniera comprensiva e amorevole nei confronti della mamma ‘suora’, stroncando ogni eventuale tentativo di maldicenza da parte dei più avvezzi ai pettegolezzi. La neomamma potrà tranquillamente dedicarsi alle cure amorevoli del proprio bimbo con l’appoggio della comunità.

UNA MEZZA BUFALA - Tutto l’apporto mediatico alla storia dai forti toni sensazionalistici si è trasformato, al fronte delle ultime rivelazioni, in una bufala a metà. La donna è una religiosa ma non una suora, è rimasta incinta dopo una terribile violenza e ha deciso, con coraggio, di tenere il bambino. Bando al gossip, il caso della ‘suora’ mamma di San Severino non ha nulla a che vedere con la storia similare della sorella di Rieti che partorì, addirittura, a sua insaputa.

 

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews