Champions League: Milan-Arsenal 4-0, Allegri stende Wenger

MILAN-ARSENAL 4-0: 15° pt Boateng, 38° pt  e 4° st Robinho, 33′ st rig. Ibrahimovic

Ibrahimovic non fallisce dal dischetto (liquida.it)

L’Arsenal torna a Londra con 4 chili in più nel bagaglio a mano, ma l’impressione è che i Gunners non siano mai scesi dall’aereo. Un Milan quasi perfetto annichilisce l’undici di Wenger con due reti nel primo tempo, altrettante nella ripresa e l’impressione di averne potute fare altrettante, se solo i ritmi non si fossero inevitabilmente abbassati.

L’infortunio di Seedorf dopo dieci minuti, preferito ad Ambrosini ed Emanuelson, che poi gli subentrerà, sembra il preludio di una serata non felicissima per i rossoneri. Ma al 15° Boateng rientra a san Siro alla sua maniera: lancio di Nocerino, stop a seguire di petto e terrificante destro aria-aria che scheggia la traversa e si infila alle spalle dell’incolpevole Szczesny.

Il Milan addomestica la partita con meno possesso palla ed ineccepibile occupazione degli spazi: l’Arsenal prova a sfondare sulle fasce, ma Walcott si schianta a più riprese contro i raddoppi difensivi di Van Bommel e Nocerino. Quando mancano sette minuti al the caldo, Ibrahimovic brucia l’inguardabile terreno del Meazza con un’accelerazione partita probabilmente oltre la linea del fuorigioco. Assist per Robinho che di testa centra lo specchio.

Nella ripresa Wenger prova a spostare in avanti il baricentro mettendo Henry per l’impalpabile e nervoso Walcott, ma dopo 4 minuti i piani di rimonta sono già saltati: Ibra serve di nuovo Robinho, scivolone all’interno dell’area di Vermaelen e destro chirurgico del brasiliano. Ci prova due volte Van Persie (superbo Abbiati sul sinistro al volo dell’olandese), ma l’Arsenal della ripresa è tutto lì. Al 32° Djorou non trova un modo migliore per fermare Ibrahimovic in area se non allargandogli un braccio in faccia e franandogli addosso. Lo stesso svedese va dal dischetto, Szczesny non riesce a parare il terzo rigore degli ultimi cinque calciatigli contro e il Milan mette in tasca un risultato pesantissimo in attesa del ritorno di Londra.

Milan in forma europea, Arsenal assolutamente inguardabile. Non sono di certo questi i Gunners di Wenger, annichilito tatticamente da Allegri che ha schierato un Milan solido e minimalista. Al ritorno all’Emirates il pur rassicurante risultato di san Siro non dovrà far pensare ad una squadra rinunciataria, lo spettro di La Coruna aleggia sempre sulle teste rossonere.

Berlusconi intervistato da Sky a fine partita (ed immortalato sugli spalti in un inquietante striscione in cui i tifosi del Milan ricordavano agli inglesi che l’ex premier probabilmente avrebbe fatto un pensierino anche alla regina Elisabetta) appare visibilmente soddisfatto: «Una partita quasi perfetta, tutti bravissimi. Real Madrid e Barcellona sono di un livello superiore al momento in Europa, ma noi ci siamo, seppur fermati da diversi infortuni. Tevez? Io non ne ho mai caldeggiato l’arrivo, mi sembra che quel ragazzino col cognome egiziano che abbiamo sia un vero campioncino. In campionato ci reputiamo superiori alla Juventus come rosa: loro stanno frenando e noi abbiamo recuperato quasi tutti gli uomini, sarà una bella sfida».

Nel pomeriggio Zenit San Pietroburgo-Benfica finisce 3-2 per i russi.

Francesco Guarino

TABELLINO:

Milan (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Mexes, Thiago Silva, Antonini; Seedorf (12° pt Emanuelson), Van Bommel, Nocerino; Boateng (24° st Ambrosini); Ibrahimovic, Robinho (38° st Pato) Pato . A disp.: Amelia, Nesta, Bonera, El Shaarawy, Pato. All.: Allegri.
Arsenal (4-2-3-1): Szczesny; Sagna, Koscielny (44° pt Djorou), Vermaelen, Gibbs (21° st Oxlade-Chamberlain); Song, Arteta; Walcott (1° st Henry), Ramsey, Rosicky; Van Persie. A disp.: Fabianski, Cocquelin, Arshavin, Benayoun. All.: Wenger.
Arbitro: Kassai
Ammoniti: Mexes, Ambrosini (M); Song, Djorou (A)
Espulsi: nessuno

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews