Cent’anni di solitudine: rubata prima edizione storica autografata

Rubata copia storica di "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez autografata alla Fiera del libro di Bogotà

Il logo della Fiera del libro di Bogotà (www.es.investinbogota.org)

Il logo della Fiera del libro di Bogotà (www.es.investinbogota.org)

BOGOTÀ (COLOMBIA) – Durante la Fiera del libro di Bogotà, l’evento di promozione della lettura e dell’editoria locale più importante in Colombia e in America Latina, che si è svolto dal 21 aprile al 4 maggio 2015, è stata rubata una copia della prima storica edizione di «Cent’anni di solitudine» di Gabriel Garcia Marquez, risalente al 1967. Si tratta di uno degli ottomila esemplari pubblicati nella prima edizione dell’opera del 1967 e appartenente alla collezione privata del libraio Alvaro Castillo che, intervistato dalla stampa, ha detto:

«Quanto successo è terribile, siamo tutti noi colombiani ad essere stati derubati. Non ci sono soldi che possano pagare quanto è successo, sono molto triste. Non presterò mai più niente per esibizioni, e tanto meno alla Fiera del libro».

RUBATA COPIA STORICA CON DEDICA E FIRMA DEL NOBEL COLOMBIANO – La copia del romanzo «Cent’anni di solitudine», con dedica e firma dello stesso scrittore, era stata pubblicata dalla Editorial Sudamericana. Alvaro Castillo, il libraio che ha subito il furto del romanzo, aveva prestato ben trentadue volumi della sua collezione privata alla Fiera del libro di Bogotà, tra cui la copia di «Cent’anni di solitudine» firmata dallo stesso Gabriel Garcia Marquez e che conteneva anche una dedica al libraio.

Gabriel Garcia Marquez (www.cnn.com)

Gabriel Garcia Marquez (www.cnn.com)

Il furto della copia del romanzo «Cent’anni di solitudine» è stato scoperto lo scorso sabato, il 2 maggio, nel padiglione denominato “Macondo”, creato proprio in omaggio al Nobel per la Letteratura 1982. Il testo si trovava all’interno di una teca chiusa a chiave e sorvegliata, dal momento che si trattava di una copia di pregio che, in più, conteneva la dedica al libraio Castillo: «Per Alvaro, pastore dei libri, come ieri e come oggi», firmata dall’autore stesso. Gli organizzatori della Fiera hanno emesso un comunicato in cui dichiarano che le indagini sono iniziate: hanno infatti cominciato a ispezionare i filmati per tentare di capire come sia potuto accadere il furto, considerando che la teca non è stata neppure rotta. Le prime indiscrezioni parlano di un furto su commissione, per cui esisterebbe un acquirente: una storica prima edizione del genere, infatti, proprio per la sua inestimabilità, non sarebbe così facile da commercializzare.

Mariangela Campo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews