Censimento: a marzo 2012 la fotografia dell’Italia di oggi

Roma – La prima istantanea dell’Italia reca la data 1861. Appena unita la Nazione si diede il via al conteggio della popolazione e alla prima fotografia dei suoi usi e costumi. A centocinquanta anni da quella storica data, così importante per il comune sentire, parte il 9 ottobre 2011 il quindicesimo censimento italiano. L’Unità d’Italia ereditò, dai regni appena decaduti e inglobati, una popolazione giovane, a maggioranza maschile, con famiglie numerose e spazi immensi per vivere. In poco più di 60 anni di cambiamento di regime, da monarchico a repubblicano, molte cose sono cambiate. La popolazione è invecchiata, le famiglie numerose sono scomparse e gli spazi in cui vivere sono nettamente diminuiti.

I moduli per la compilazione del questionario Istat sono stati inviati, ad ogni nucleo familiare, con settimane d’anticipo rispetto alla data stabilita per la sua stesura. Una nota invocava gli utenti di iniziare la compilazione del questionario solo a partire dalla data del 9 ottobre. Le modalità di riconsegna sono, invece, tre. Lo si può compilare via Internet, collegandosi al sito http://censimentopopolazione.istat.it,  immettendo la password fornita sulla prima pagina del questionario cartaceo recapitato a casa. Oppure si può scegliere di restituire il cartaceo, debitamente compilato, presso gli uffici postali e i centri comunali di raccolta, in forma completamente gratuita, in questo caso verrà consegnata una ricevuta dall’ufficio scelto. Ci sono però delle data di riconsegna diverse stabilite in base al numero degli abitanti dei centri in cui si risiede. Per le famiglie che risiedono nei Comuni con meno di 20mila abitanti la data di riconsegna  del questionario compilato è quella del 31 dicembre 2011, mentre quelle residenti in Comuni con popolazione compresa fra 20mila e 150mila abitanti lo dovranno restituire entro il 31 gennaio 2012. Un mese in più di tempo lo hanno le famiglie residenti in Comuni con più di 150mila abitanti, infatti, lo possono riconsegnare fino al 29 febbraio 2012.
 

Famiglia numerosa dei primi del '900

Partiranno, inoltre, dal 21 novembre anche i rilevatori comunali. Le famiglie, perciò, a partire da tale data avranno come ulteriore opzione la riconsegna del modulo anche nelle mani degli addetti comunali. Per avere ulteriori informazioni si può consultare il sito web http://censimentopopolazione.istat.it/sala-stampa/comunicati/defau lt.html. E’ forte la curiosità riguardo a ciò che scopriremo con questo 15esimo censimento, vista anche la situazione di crisi in cui versa la società italiana in questo periodo. Certo è che sfogliando il questionario di quest’ultimo censimento, la fotografia che verrà scattata risulterà un po’ sfocata. Le domande che vengono rivolte ai cittadini, infatti,  sono molto generiche e chiuse. L’immagine che si ricava guardando alla storia di 150 anni fa, al primo censimento dell’Italia unita nel 1861, ci dice che i cittadini residenti erano 26 milioni, con una maggioranza di oltre il 50 percento di maschi, mentre le femmine appena sotto, con il 49 per cento. Il 13 percento della popolazione era composta da bambini fino a 5 anni di età, mentre gli over settantacinquenni erano l’1 per cento. Il nucleo familiare medio si attestava su 4,7 componenti. Mentre erano 87 il numero di abitanti per ogni chilometro quadrato.

Nell’ultimo censimento avvenuto nel 2001, invece, si erano conteggiati quasi 57 milioni di residenti: le donne, con oltre il 51 per cento, avevano superato gli uomini che erano scesi a circa il 48 per cento. I bambini fino a 5 anni si erano ridotti di molto: scendendo al 4,6 per cento. Aumento significativo degli ultrasettantacinquenni che si erano attestati all’8,4 per cento della popolazione. Le famiglie, sono risultate essere molto meno numerose di prima: in media 2,6 componenti. Aumento esponenziale, invece, per la densità della popolazione italiana che è salita a quota 192 abitanti per chilometro quadrato. I primi dati su quest’ultimo censimento verranno diffusi a marzo 2012.

Sabina Sestu

Foto: blogsicilia; wordpress;

Preview: tg24.sky

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews