Cassazione: processo per l’omicidio di Meredith Kercher da rifare

meredith kerchere konx sollecito (style.it)

Amanda Knox e Raffaele Sollecito: il loro processo per l'omicidio di Meredith Kercher è da ripetere (style.it)

Perugia – Il processo d’appello per l’omicidio di Meredith Kercher che ha visti assolti Raffaele Sollecito e Amanda Knox è da rifare: a deciderlo la Corte di Cassazione, che ha accolto il ricorso del Procuratore generale e accolto la richiesta di annullamento della sentenza di secondo grado.
Differenti le reazioni delle parti coinvolte nella questione giudiziaria che ha fatto discutere anche oltreoceano.

Gli accusati - Amanda Knox, che secondo il suo avvocato Carlo Dalla Vedova aveva trascorso una notte insonne in attesa del verdetto, si è detta «delusa» dalla decisione della Corte italiana: «non mi credono», avrebbe detto sconcertata al suo legale, quando verso le due del mattino del fuso di New York le ha comunicato la decisione della giustizia italiana.
«Pensavo si potesse mettere la parola fine a questa vicenda» è stato invece il commento di Raffaele Sollecito a uno dei suoi legali, i quali hanno trasmesso la sua delusione per l’evolversi della vicenda, anche se «è innocente».

La vittima e l’accusa Lacrime di gioia per la sorella di Meredith Kercher, Stephanie: «sono felice», ha fatto sapere attraverso l’avvocato di famiglia, Francesco Maresca, che ha poi aggiunto «è una vittoria morale e processuale; avevo fiducia nella Cassazione perché erano tanti i vizi della sentenza della Corte d’assise d’appello di Perugia».
«Non posso che dirmi soddisfatto» ha invece dichiarato Luigi Riello, Procuratore generale della Cassazione, spiegando anche che il nuovo processo sarà «su tutto», visto che il ricorso è stato accolto totalmente.

Il nuovo processo – La notizia ha già attratto l’attenzione dei media Usa, che l’hanno riproposta in tempo reale. La preoccupazione ora è per un’eventuale richiesta di estrazione della Knox, nuovamente sospettata per l’omicidio di Meredith Kercher.
Il nuovo processo d’appello si celebrerà a Firenze: a stabilirlo è stata la Cassazione stessa, con il dispositivo con cui ha annullato il precedente verdetto.
«La battaglia continua» è stata la conclusione dell’avvocato Giulia Bongiorno, membro del collegio di difesa di Sollecito: «questo processo è partito in salita – ha proseguito la Bongiorno – e stiamo scalando un gradino dopo l’altro. Certo, oggi nel giorno del compleanno di Raffaele speravamo di sentire la parola fine, anche perché la sentenza di appello è stata coerente e logica. La decisione della Cassazione non è comunque una condanna. Non ripartiremo da zero, ma solo leggendo le motivazioni dei giudici potremo capire su cosa si svolgerà il processo di appello».

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews