Caso Montesi – Ipotesi di un delitto

processo montesi
da sinistra: Pieto Piccioni, Saverio Polito e Ugo Montagna a processo

L’annuncio fu un terremoto a Montecitorio tanto più che nel ’53 la politica si preparava alle elezioni e il Partito Comunista italiano vi andò a nozze. Portò avanti una campagna elettorale moralizzatrice inquisendo le disinibite abitudini sessuali dei figli della DC. Non bastò vincere alle urne. Il Governo venne riconfermato e, nel frattempo, Cesarini fu querelato e costretto a ritrattare i propri scoop non essendoci alcun riscontro.

Lo scandalo continua – Tutto sembrò assopirsi ma in ottobre esplose un’altra bomba. Il rotocalco di gossip, Attualità, pubblicò un titolone in prima: La verità sul Caso Montesi. In esso, il direttore Silvano Muto rivelava l’esistenza di una testimone, certa Adriana Concetta Bisaccia, aspirante attrice. Ella riferiva che la sera del 6 aprile aveva partecipato con Wilma a un festino a Capocotta, località Castelporziano, tenuta del marchese Ugo Montagna, amico di Piccioni presente anch’egli quella sera. Secondo la ricostruzione della Bisaccia la festa a base di droga e alcool sarebbe degenerata in orgia e durante la notte Wilma avrebbe avuto un malore. A quel punto, Montagna e Piccioni, temendo lo scandalo, avrebbero caricato in auto la ragazza priva di sensi che pensarono morta e che abbandonarono a Torvajanica. La stampa di sinistra si scatenò. Lo scopo era di ottenere attraverso lo scandalo mediatico-giudiziario quello che il partito non riusciva ad avere in sede elettorale. L’Unità, organo ufficiale del PCI, arrivò persino a contestare il referto dell’autopsia sostenendo che, in realtà, Wilma aveva subito violenza carnale. Nuove denuncie. I Piccioni querelarono tutti a partire da Muto, il quale ritrattò le tesi dell’articolo dichiarandole fantasie. Ma alla testimonianza della Bisaccia si aggiunse quella di un’altra donna.

Il Cigno – Maria Augusta Moneta Caglio Bessier d’Istria, detta il Cigno nero, era una giovane bella e di buona cultura, figlia di un notaio. Anch’ella coltivava aspirazioni da diva e per realizzarle frequentava le tenute del marchese Montagna e il suo giro d’amicizie altolocate ma ambigue. La Caglio sostenne in pieno le tesi della Bisaccia e di Muto (che nel frattempo aveva ritirato le ritrattazioni) e aggiunse dell’altro: Wilma, all’epoca della morte, era l’amante di Montagna.

Il processo – A un anno dal ritrovamento del cadavere, gli inquirenti riaprirono il caso. Nel marzo 1954, Pietro Piccioni venne arrestato per omicidio colposo e uso di stupefacenti. Con lui Ugo Montagna per

alida valli
L’attrice Alida Valli con il primo marito, Oscar De Majo

favoreggiamento e Saverio Polito per intralcio della Giustizia. E mentre i quotidiani si occupavano del caso senza posa nel settembre 1954 Attilio Piccioni, con la reputazione irrimediabilmente rovinata, si dimise dal Governo. Per nulla, pare. Durante il processo si stabilì che la Caglio era vicina ad alcuni ambienti della DC ostili alla linea intrapresa dall’altra parte del partito. Le dichiarazioni della testimone vennero, dunque, interpretate come indottrinamenti a scopo di ritorsione politica. A questo si unì la testimonianza di Alida Valli la quale ammise che la notte della morte, lei e Piccioni erano insieme a Ischia e il musicita era costretto a letto dal mal di gola. Nessuno osò contestare la tardiva deposizione dell’attrice in ragione sua della celebrità.

Archiviazione – Il 28 maggio 1957 il Tribunale di Venezia prosciolsce i 3 imputati da tutte le accuse. La Bisaccia e Muto, già denunciati per calunnia, furono condannati a 10 mesi di reclusione, mentre la Caglio non ebbe prigione.

Il caso Montesi tornò ufficialmente al punto di partenza: morte per “pediluvio”. Ufficiosamente è ancora aperto.

Chantal Cresta


Foto || http://it.wikipedia.org/wiki/File:Wilma_Montesi.jpg

Foto || http://it.wikipedia.org/wiki/File:Wilma_Montesi_Torvaianica_-_dal_film_Forza_Italia!.png

Foto || http://it.wikipedia.org/wiki/File:Piccioni,_Polito_e_Montagna_durante_il_Processo_Wilma_Montesi.jpg

Foto || http://it.wikipedia.org/wiki/File:Oscar_De_Mejo_e_Alida_Valli_anni_quaranta.jpg

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

1 2

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews