Caso Magherini: concluse le indagini. L’accusa è di omicidio colposo

Riccardo Magherini (ilsitodifirenze.it)

Firenze – Arrivano a conclusione le indagini della Procura di Firenze sulla morte Riccardo Magherini, quarantenne fiorentino deceduto a Firenze nella notte fra il 2 e il 3 marzo 2014, al seguito dell’arresto da parte dei carabinieri di Borgo San Frediano. La prima ipotesi sulla causa della morte di Magherini è stata quella di arresto cardiaco, evolutasi oggi in asfissia, scatenata anche dall’immobilizzazione subita dai carabinieri nella fase di arresto e dalla eccessiva assunzione di cocaina.

CASO MAGHERINI: CHIUSE LE INDAGINI - Le indagini mosse dal pubblico Ministero Luigi Boccioni hanno fatto luce sulle modalità in cui i carabinieri hanno arrestato Magherini: la fase di immobilizzazione dell’uomo – che è stato ammanettato e bloccato a terra – è stata considerata non coerente con le direttive del Comando generale dell’Arma.

I VIDEO E IL CASO NAZIONALE - Alcuni video dell’arresto hanno sconvolto.e diviso l’opinione pubblica: l’uomo era steso a terra sofferente, bloccato dai carabinieri, e le sue richieste d’aiuto hanno attirato l’attenzione degli abitanti al punto da spingerli a filmare l’accaduto. Le immagini sono state diffuse da alcuni media nazionali e la trasmissione “Chi l’ha visto” ha a lungo analizzato l’accaduto. Magherini era, al momento dell’arresto, in forte stato confusionale, esacerbato da un attacco di ansia misto all’assunzione di stupefacenti che l’aveva condotto a sfondare le vetrine di un locale commerciale. I carabinieri che l’hanno arrestato e il personale paramedico che l’ha soccorso sono stati indagati per comprendere la reale causa di decesso di Magherini.

L’ACCUSA PASSA DA OMICIDIO PRETERINTENZIONALE A COLPOSO - Il pubblico ministero Luigi Boccioni ha concluso le indagini arrivando ad accusare di omicidio colposo – e non più preterintenzionale – sette delle undici persone inizialmente indagate: tre volontari della Croce Rossa che hanno soccorso Magherini prima dell’arrivo dei medici e i quattro carabinieri del Nucleo Radiomobile del 112 che l’hanno arrestato. Attualmente sono stati prosciolti sia il medico che i tre operatori della Centrale Operativa del  118 che hanno soccorso Magherini in un secondo momento. I carabinieri hanno seguito delle modalità di arresto non lineari rispetto alle direttive dell’Arma mentre i sanitari non hanno soccorso prontamente e in maniera corretta Magherini, non riuscendo a salvare l’uomo dall’asfissia.

A BREVE UNA NUOVA UDIENZA - La Procura di Firenze aveva inizialmente ritenuto l’omicidio preterintenzionale al seguito della denuncia esposta dai familiari di Magherini ma, a conclusione delle indagini, l’accusa si è trasformata in omicidio colposo.  Prossimamente sarà indetta l’udienza al cospetto del Giudice delle Udienze Preliminari del tribunale di Firenze, il quale stabilirà se i sette indagati subiranno il rinvio a giudizio e deciderà sulla sorte dei quattro prosciolti. Secondo le ultime notizie l’udienza potrebbe svolgersi tra circa due mesi.

L’AVVOCATO DEI CARABINIERI INDAGATI - L’avvocato difensore dei militari Francesco Paolo Maresca ha così commentato la conclusione delle indagini e il passaggio dell’accusa da omicidio preterintenzionale a colposo: «È un importante oggettivo ridimensionamento dei fatti come all’inizio erano stati contestati, parlando di omicidio preterintenzionale. Da tener presente che nell’imputazione si dà conto delle grosse difficoltà dei carabinieri per bloccare la persona arrestata, di fronte alla sua reazione, così come è stato dato conto del suo totale stato di alterazione per uso ingente di cocaina».

Foto preview: lanazione.it

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews