Capodanno, mezzo miliardo di cibo sprecato secondo la Coldiretti

Esempio di tavola imbandita per il cenone di capodanno (www.green.it)

Esempio di tavola imbandita per il cenone di capodanno (www.green.it)

Un altro capodanno se n’è andato e un nuovo anno è arrivato. Siamo ancora in periodo di festa ma le due celebrazioni principali per il nostro Paese sono già alle spalle. La Coldiretti fa un bilancio del Capodanno e degli sprechi, dispensando consigli su come riciclare il cibo che proprio non si è riusciti a terminare.

MEZZO MILIARDO – In Italia anche quest’anno si è assistito al desolante spreco di cibo per capodanno. Coldiretti, la più importante associazione che rappresenta gli agricoltori, anche quest’anno ha fatto i conti: mezzo miliardo di cibo avanzato. Fortunatamente non tutto è andato perso. Secondo un indagine campionaria portata avanti dall’Ixé, sei italiani su dieci avrebbero riutilizzato gli avanzi con le classiche pietanze del giorno dopo per ragioni etiche, ecologiche ed economiche. Bisogna ricordare però che quest’indagine rappresenta una stima fatta su un campione, cioè un numero ristretto di persone, non una misurazione esatta.

Bambini in fila per la propria razione quotidiana (www.borgenmagazine.com)

Bambini in fila per la propria razione quotidiana (www.borgenmagazine.com)

CONSIGLI PER IL RIUSO – Coldiretti non si è limitata a misurare gli sprechi ma ha dispensato qualche consiglio, forse troppo tardi. Il polpettone con la carne o il pesce rimasto, una frittata nella quale è possibile migliorare varie pietanze, dalla pasta alle verdure e poi ancora la classica macedonia con la frutta o i torroni con la frutta secca.  Sono stati spesi in totale2,1 miliardi di euro, il 25% in più dell’anno passato. Nello specifico sono state consumate 55 milioni di bottiglie di spumante, 10 milioni di chili di lenticchie e 6,5 milioni di chili di cotechino.

MOLTO LAVORO DA FARE – Spreco si dunque, ancora scandaloso se si pensa alla realtà mondiale che, secondo gli ultimi dati FAO 2015, vede quasi l’11% della popolazione malnutrita e a rischio di morte per fame.  Tanto dunque va fatto nella lotta allo spreco alimentare che non riguarda solo supermercati o ristoranti ma anche gli usi nelle cucine di casa per far si che festa voglia dire divertimento ma non consumo sfrenato.

Domenico Pellitteri

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews