Capitali in fuga: sequestri a raffica negli aeroporti

ROMA – Ammontano ad oltre 41 milioni di euro le cifre sequestrate dalla Guardia di Finanza nell’arco di tempo che va da gennaio a luglio 2012 presso le frontiere, soprattutto per quanto riguarda porti e aeroporti. Si registra, in tal senso, un grave aumento del 78% rispetto alla prima metà del 2011. Sequestrati anche circa 88 chilogrammi di oro e 570 di argento.

In particolar modo, è stesso la Guardia di Finanza a far notare come sia stato l’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino a rappresentare il maggior nucleo di andirivieni di valute. I finanzieri, tra le altre cose, hanno individuato anche un’imprenditrice cinese che teneva nascosti ben 100.000 euro all’interno della sua biancheria intima.

Sempre all’aeroporto di Fiumicino, è stato fermato anche un imprenditore italiano con attività in Etiopia che intendeva viaggiare con 122.000 euro nascosti nel doppio fondo del suo trolley. Un altro cinese, invece, aveva in valigia una stecca di sigarette da 200.000, ovvero ogni sigaretta conteneva non tabacco ma una banconota da 500 euro.

Anche l’aeroporto di Firenze, però, non è da meno: un imprenditore tessile cinese, infatti, stava per partire per Shangai prima di essere fermato e scoperto con 180.000 euro nascosti nella fodera di alcune giacche che portava in valigia come campionario prodotto dalla sua azienda con sede a Prato. Ancora: a Ponte Chiasso, un cinquantenne varesino, titolare di un negozio di alimentari, era in partenza con la sua giovane figlia prima di essere scovato con 50 chilogrammi di oro nascosti in un doppio fondo ricavato sotto uno dei sedili della sua automobile.

Nel frattempo, a Malpensa, i finanzieri hanno messo a punto un sistema informatico capace di individuare i movimenti frazionati per passare inosservati ai limiti imposti dalla legge. Provvidenziale, però, resta sempre l’aiuto delle unità cinofile, i cui esemplari hanno scovato un cingalese con, nascosti, 424.000 euro in una valigia stracolma di vestiti.

La Guardia di Finanza, dunque, informa che le novità normative introdotte nel marzo 2012 dal decreto legge numero 16 hanno, di fatto, inasprito le sanzioni a carico dei trasgressori: per chi tenta di portare con sé, dunque, quantità monetarie superiori ai 10.000 euro senza dichiararli, è prevista una sanzione che va dal 30% al 50% della somma che supera la soglia. Esiste anche la possibilità di estinguere immediatamente la violazione, ma solo se l’eccedenza non supera 40.000 euro e una volta ogni cinque anni, pagando il 15% dell’importo eccedente il limite anzidetto (o il 5% se l’eccedenza non supera i 10.000 euro).

(Foto: ilmessaggero.it / corriereinformazione.it)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews