Caos sulla Roma-Lido. Furto di rame blocca il servizio pendolari

Ennesimo disagio in una Roma sempre meno capitale: il ventiquattresimo furto di rame sulla tratta Roma-Lido provoca forte caos tra i pendolari

Il capolinea della ferrovia Roma-Lido (wilditaly.net)

Il capolinea della ferrovia Roma-Lido (wilditaly.net)

Che Roma sia tra le città italiane più frustrate degli ultimi anni è un dato di fatto. Tra amministrazioni ostacolate da attività illecite, ostentazioni malavitose, disagi urbani e screzi tra cittadini, istituzioni, forze dell’ordine e organizzazioni burocratiche, la libertà di furto e scasso, a volte, finisce per padroneggiare indisturbata anche dove la sicurezza dovrebbe essere ben più che garantita. Stavolta è il caso della ferrovia Roma-Lido, dove questa mattina ha avuto luogo un pesantissimo disservizio causato, appunto, da un furto di cavi di rame.

I treni della linea Roma-Lido (newsgo.it)

I treni della linea Roma-Lido (newsgo.it)

DISAGIO ASSOLUTO – Secondo quanto si apprende dalle dichiarazioni dell’Assessore alla Mobilità e ai Trasporti di Roma Stefano Esposito, il furto dei cavi di rame è avvenuto nelle prime ore di oggi nei pressi della sottostazione elettrica di Acilia. Si tratta nientemeno che del ventiquattresimo furto di rame verificatosi sulla tratta Roma-Lido, azione che in questo caso ha provocato un blocco totale tra le fermate Cristoforo Colombo e Roma Porta S.Paolo/Piramide. Esposito afferma di aver allertato il prefetto Gabrielli che, di per sé, si è attivato per informare il questore e il comandante provinciale dei Carabinieri al fine di rinforzare la vigilanza notturna lungo  la linea, vigilanza che – pare scontato dirlo ma dovrebbe realmente essere così – andrebbe garantita sempre e ovunque anche – se non soprattutto – in luoghi indispensabili per la salvaguardia del cittadino lavoratore.

 

PENDOLARE CHI?– Ad ogni modo, i pendolari della tratta Roma-Lido, oggi, anziché salire sul loro treno quotidiano si son dovuti – come si suol dire – attaccare al tram. L’assessore Esposito cerca di calmare un po’ le acque garantendo l’invio di «una lettera ai vertici dell’Atac (la principale azienda trasporti di Roma Capitale, ndr) chiedendo che si proceda a saldare la griglia dei cavi elettrici lungo la tratta, scelta di cui mi assumo personalmente la responsabilità». Esposito, inoltre, cerca di avvicinarsi in qualche modo alla principale conseguenza dell’assenteismo di sorveglianza: il caos tra i cittadini paganti. «Chiederò ai vertici dell’Atac di studiare la possibilità di rimborso sugli abbonamenti annuali come segno di attenzione verso l’utenza», afferma Esposito. «E chiederò alla Regione Lazio, proprietaria della linea, uno stanziamento straordinario per coprire gli eventuali costi di questa iniziativa».

NON SOLO RAME – Ma i disagi di Roma Capitale non finiscono qui. Alle 6:30 di stamattina, infatti, un treno ha subito un guasto nella stazione di Lido Centro sul binario principale, il numero 1. Proprio sulla tratta Roma-Lido, poche settimane fa, i pendolari erano stati fatti scendere sui binari all’interno di una galleria per la rottura di un convoglio (il terzo a finire in officina solo nell’arco di quella giornata). Per quanto riguarda il disagio di oggi, l’Atac comunica tramite Twitter di aver risolto il problema.

 

Foto: newsgo.it / wilditaly.net

Stefano Gallone

@SteGallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews