Caccia: il Governo si schiera dalla parte degli animali

 

Il bottino di una battuta di caccia (http://www.marafikimalindi.com)

La Legge della regione Calabria che dovrebbe disciplinare la stagione venatoria 2010/2011 è stata impugnata davanti alla Corte Costituzionale.

Il provvedimento governativo si è reso urgente e necessario davanti alla violazione - già di altre regioni del sud come del nord Italia – di quelle che sono le regole europee a tutela della fauna selvatica e della biodiversità. Dopo aver applicato analogo provvedimento nei confronti dei Liguria, Lombardia, Toscana e Abruzzo,  anche la legge calabrese è apparsa assolutamente non conforme ai parametri imposti non solo dalla legislazione nazionale, ma anche da quella europea, in specifico l’art. 42 che impone di ridurre la durata della stagione e proteggere molte specie di uccelli prima cacciabili. Come se non bastasse persino le sentenze della Corte Costituzionale erano palesemente eluse.

Le accuse nei confronti della Regione Calabria suonano molto gravi. Dopo aver emanato un calendario venatorio illegittimo, già sospeso dal Tar dopo il ricorso delle associazioni ambientaliste ed animaliste,  la Regione ne ha approvato un secondo, nella sostanza identico a quello ritenuto non conforme alle direttive UE, con una sorta di escamotage: un articolo inserito nella legge finanziaria regionale, che di fatto impediva un nuovo ricorso al giudice amministrativo.

Il Governo ha giustamente condannato sia il contenuto della legge, sia la sua forma, impugnandola. Una risposta positiva per associazioni come l’Enpa, la Lav, Legambiente, Lipu e WWF, che avevano chiesto proprio questo al Consiglio dei ministri notando la frequenza di comportamenti illegittimi in questo settore. La soddisfazione non cancella tuttavia i dati allarmanti in tema di tutela ambiantale e della biodiversità: in deroga alle norme, in Calabria negli ultimi mesi sono stati uccisi migliaia di animali e per evitare che ciò si ripeta è necessario che la Conferenza delle Regioni e delle province autonome si attivi subito per evitare, l’anno prossimo simili atti lesivi dei diritti non solo degli animali, ma anche e soprattutto dei cittadini.

Redazione

foto via: www.provincia.vs.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Caccia: il Governo si schiera dalla parte degli animali

  1. Pingback: Chiliamacisegua » Blog Archive » News 27 febbraio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews