Brunetta, il solito esagerato, ira sul caso Bindi: ‘Dimissioni o guerriglia’

renato-brunetta

Renato Brunetta

Durante il meeting con il governo nel tentativo di sbloccare la situazione del decreto P.A., Renato Brunetta è tornato a parlare della questione Rosy Bindi.

Al capogruppo del Pdl non è andata giù la scelta di Bindi come presidente dell’Antimafia, e lo ha espresso in maniera decisa, persino esagerata.

Queste le sue parole: «O Rosy Bindi lascerà la presidenza dell’antimafia o sarà guerriglia su tutto». Insomma, Brunetta non ci è andato leggero ma del resto non è una novità, considerando altre sue uscite simili in passato. Ha parlato di guerriglia e ha parlato anche di strappi.

Rivolto ai giornalisti presenti al termine dell’incontro col governo, ha dichiarato: «Gli strappi hanno un costo». Lui e tutto il Pdl, dunque, uniti nel chiedere le dimissioni e nello scatenare l’eventuale reazione nel caso non arrivassero.

Ma Rosy Bindi, secondo Brunetta, un merito ce l’ha: «In Antimafia è successo uno strappo intollerabile, gli strappi hanno dei costi. Chi ha fatto lo strappo rifletta e su questo il Pdl è unito come un sol uomo. La Bindi però, è riuscita a fare il miracolo, ha riunito tutto il Pdl».

Aggiungendo poi: «In una logica di coalizione le decisioni vanno condivise, tanto più se si tratta di una bicamerale».

Gian Piero Bruno

@GianFou

Foto: termometropolitico.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews