Botti di Capodanno: rischiano di morire 5mila animali

Animali: 5mila potrebbero motire a causa dei botti di San Silvestro

MILANO – Si avvicina la notte più lunga dell’anno, quella di San Silvestro, e parte delle tradizioni saranno – là dove le ordinanze non ne abbiamo vietato l’uso – le esplosioni dei fuochi artificiali o dei botti artigianali. Ma ci sono rischi che spesso non vengono calcolati, come i danni ai nostri amici animali: circa 20 milioni tra cani e gatti e altri 40 considerando pesci, uccellini, tartarughe, conigli, furetti, tartarughe d’acqua, animali esotici e tutte le tipologie di animali domestici; non bisogna però dimenticare anche tutti quelli selvatici!

Per loro la notte di Capodanno potrebbe essere letale a causa dei botti e circa 5.000 rischiano la vita. Lo ha denunciato l’Aidaa rilanciando così la sua consueta campagna  «No ai botti», già attiva da qualche anno e che in questo scadere di 2011 è riuscita a raccogliere oltre 10.000 adesioni.

Oltre a scoraggiare l’uso dei botti, l’associazione animalista ha stilato un vademecum consultabile online con tutti i consigli e le regole per evitare agli animali di casa ogni tipo di stress: per averla gratuitamente basta scrivere una mail, entro le 12 di oggi, a direttivo.aidaa@libero.it. Tutti i ritardatari potranno comunque contare sull’aiuto di Aidaa fino alle 22: l’associazione resta raggiungibile al telefono  (347-88.83.546).

Lodevole l’impegno di Aidaa per proteggere bestiole domestiche e selvatiche dal frastuono dei botti, così come quello di molti comuni che con ordinanze-divieto hanno tentato di tutelare anche i cittadini e l’ambiente, ma non sono mancate critiche e disappunto come quello del sindaco rottamatore Matteo Renzi. Sulla sua bacheca Facebook è apparso un post: «In un Paese che non riesce a combattere l’evasione fiscale possiamo fare un’azione penale per chi accende un petardo? Facciamo piuttosto un appello alla responsabilità dei cittadini e al rispetto degli animali (e anche degli umani, se permettete). Vale per i botti illegali, vale per le bottiglie, per tutto».

Forse il sindaco Renzi è troppo fiducioso nella bontà e nel rispetto umano, sperando che spontaneamente molti rinuncino ai botti per salvaguardare il cane o il gatto del vicino terrorizzato dal rumore. Un po’ scettici noi ‘sposiamo’ la causa di Aidaa, perchè sia un buon inizio 2012 anche per fido e micio.

Laura Dabbene

foto wakeupnews.eu

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews