Book in progress: la scuola cambia volto con i libri autoprodotti

Una rivoluzione nel mondo della scuola italiana: arrivano i libri di testo autoprodotti che faranno risparmiare alle famiglie italiane fino a 300 euro

Book in progress

I libri cartacei del progetto Book in progress

Libri scolastici autoprodotti che costano poco. È la sfida del progetto Book in Progress, l’iniziativa che mette a disposizione degli studenti libri di testo redatti da 800 docenti italiani per le classi prime e seconde dei licei e degli istituti tecnici e professionali, al prezzo irrisorio di sei o sette euro.

COSTRUIRE UNA SCUOLA NUOVA – Il 9 aprile 2014 il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha approvato una delibera che prevedeva la caduta di ogni obbligo di adozione da parte delle scuole di libri di testo specifici e dava via libera ai libri autoprodotti. Nella delibera si legge che «a partire dall’anno scolastico 2014/2015 ogni istituto potrà elaborare il materiale didattico cartaceo e/o digitale per specifiche discipline e potrà utilizzarlo come libro di testo o strumento didattico».

Book in progress

La versione online dei testi di Book in progress

Tutto il materiale autoprodotto dovrà essere registrato con una licenza per consentirne la condivisione e la distribuzione gratuita e dovrà essere inviato al Miur entro la fine dell’anno scolastico per renderlo reperibile da tutti gli istituti statali.

IL PROGETTO BOOK IN PROGRESS – Il progetto Book in progress è nato nel 2009 da un’idea di Salvatore Giuliano, preside dell’Itis Ettore Majorana di Brindisi: ad oggi le scuole italiane coinvolte nell’iniziativa sono 103.

Grazie alla collaborazione gratuita della rete nazionale degli 800 docenti provenienti da diverse regioni italiane, il costo dei libri si riduce essenzialmente al compenso dovuto alla tipografia. Le famiglie spendono al massimo sette euro per un volume, ottenendo uno strumento consultabile anche online che viene aggiornato costantemente dai professori che lo revisionano, lo correggono e lo integrano di anno in anno.

Ogni scuola che partecipa al progetto mette a disposizione due docenti e versa una quota di 500 euro più 1 euro per ogni copia dei volumi Book in Progress adottati. I professori che fanno parte della rete nazionale si incontrano periodicamente per progettare e coordinare la stesura dei libri: di norma ognuno di loro ne scrive un capitolo. Una volta finito di scrivere il testo, i docenti incaricano  una tipografia per la stampa, attraverso una gara d’appalto. Le copie stampate vengono inviate direttamente alle scuole, che le consegnano agli studenti insieme alle versioni digitali sia in formato Pdf sia in formato multimediale.

Il piano editoriale di Book in progress prevede la stesura di libri di testo per diverse discipline, ognuna delle quali avviene in una scuola diversa e con un team di professori-scrittori che si coordina sia dal vivo che online: Italiano, Storia, Geografia, Chimica, Economia Aziendale, Inglese, Scienze integrate Fisica, Diritto ed Economia, Matematica, Informatica, Tecnologia e Disegno, Scienze Naturali. Questo tipo di lavoro, consente ai docenti di personalizzare i contenuti da trasmettere agli allievi secondo le esigenze formative, didattiche e degli apprendimenti degli alunni stessi.

Book in progress permette alle famiglie di risparmiare fino a 300 euro sull’intera dotazione libraria, rispetto ai tetti di spesa previsti dal Miur e, cosa non da poco, restituisce la scuola a chi la fa: insegnanti e alunni.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Foto: www.radiogiornale.info; www.google.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews