Body scanner: utilità, privacy e salute

Sarà davvero utile l’adozione del body scanner nei nostri aeroporti? Ma soprattutto, quali sono i rischi per la salute e in materia di tutela della privacy? Ecco le risposte

di Silvia Nosenzo

rapi_scan_lgIl ministro Maroni ha affermato: “La sicurezza per chi viaggia deve essere prioritaria”. Ecco perché entro aprile di quest’anno anche in Italia entreranno in funzione i body scanner negli aeroporti che hanno voli diretti per gli Stati Uniti: Malpensa, Venezia e Fiumicino.

L’Italia si adegua insomma a un provvedimento già adottato da altri stati europei quali Inghilterra, Olanda, Germania, nonché Usa, ma scoppiano le polemiche: infatti, sono stati sollevati una serie di dubbi sulla reale utilità di questi apparecchi negli scali aeroportuali, nonché su eventuali danni alla salute e alla tutela della privacy.

Ma che cos’è il body scanner? Si tratta di un apparecchio che nasce negli anni ’70 per la diagnostica medicale e utilizza due diversi tipi di tecnologia: quella ai raggi X, sfruttato soprattutto in medicina, e quella a onde radio, diffusa per lo più in ambito militare. I primi forniscono immagini bidimensionali del corpo umano senza penetrare l’oggetto, semplicemente utilizzando le radiazioni di ritorno dal corpo umano. I secondi, invece, impiegano onde cortissime e a elevata frequenza, che restituiscono un’immagine tridimensionale. Il body scanner, quindi, è un prodotto usato per la sicurezza nazionale anti-terrorismo, proprio perché permette di vedere se è stato nascosto qualcosa sotto i vestiti. Inoltre, anche se se ne è iniziato a parlare solo dopo l’attentato terroristico al volo Amsterdam.-Detroit, in Italia i body scanner sono già stati provati l’anno scorso all’aeroporto di Ciampino.

Veniamo ora alla prima obiezione: l’utilità di questa apparecchiatura. Secondo le autorità aeroportuali statunitensi, il body scanner offre più garanzie rispetto al controllo incrociato di metal detector e ispezione manuale, poichè permette di rilevare armi e materiali esplosivi che altrimenti sfuggirebbero al controllo. Tuttavia, Ben Wallace, ex consulente della Qinetiq ha dichiarato che il body scanner non è in grado di rilevare le sostanze a bassa densità come polveri o liquidi, né gomma o materiali simili alla pelle. Grosse perplessità rimangono anche intorno al problema dell’accumulo dei ritardi dovuti a queste lunghe procedure di sicurezza.

200810241033Per quanto invece riguarda la salute, la preoccupazione riguarda i danni che i raggi x e le onde radio potrebbero creare alla nostra salute. Per questo una commissione di studio sta già lavorando in Italia per elaborare risposte sicure al problema. Gli uomini della Tsa americana, in merito, hanno dichiarato  che l’emissione di onde radio da parte del body scanner è molto meno dannosa di quella del cellulare, mentre quella dei raggi x equivale al massimo a due minuti di volo. Claudio Fonda, primario della Radiologia all’ospedale Meyer di Firenze è d’accordo, benché non sappia prevedere possibili effetti collaterali sul lungo tempo. Si garantisce inoltre che i controlli per soggetti in particolari condizioni di salute e per le donne in gravidanza verranno effettuati manualmente, così da evitare qualunque rischio.

Infine, il problema della privacy, che forse è il punto più spinoso del dibattito: la sicurezza nazionale e personale è senza ombra di dubbio la priorità, ma le norme che regolano l’uso di queste apparecchiature devono essere assolutamente severe o finiranno per violare un diritto inalienabile. È anzitutto fondamentale che il monitor su cui viene visualizzata l’immagine si trovi in una cabina diversa da quella del passeggero, mentre l’agente che la visiona deve essere collegato a quello che controlla solo da un auricolare. Inoltre, l’immagine deve essere immediatamente cancellata e la sagoma del volto opacizzata, in modo da non renderla riconoscibile.

Solo con questi accorgimenti potremo viaggiare sicuri.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews