Black Label Society, ‘Unblackened’ – Live acustico per la band di Zakk Wylde

zakk wylde

La copertina di ‘Unblackened’ (en.wikipedia.org)

I Black Label Society sono ormai a tutti gli effetti un’istituzione nel panorama heavy metal americano. Nati per volontà di Zakk Wylde, all’epoca chitarrista di Ozzy Osbourne, i BLS hanno guadagnato un posto di diritto tra le band più importanti della scena, grazie a un filotto di album quasi mai sotto tono, una instancabile attività live e una capacità di songwriting fuori dal comune del biondo chitarrista originario del New Jersey.

Dopo una quindicina di anni di attività e nove album in studio all’attivo, Wylde ha deciso di pubblicare un doppio cd acustico contenente la registrazione del concerto del 6 marzo 2013 al Club Nokia di Los Angeles. Unblackened, questo il titolo della nuova pubblicazione, è un lungo live semi acustico dove Zakk Wylde ha passato in rassegna tutta la sua carriera post-Ozzy con classe e maestria, sfoderando una prestazione (come sempre) mostruosa alla chitarra, ricca di groove, di gusto per la melodia, ma senza dimenticare i virtuosismi che lo hanno proiettato nell’olimpo dei migliori guitar hero degli ultimi 20 anni. Il biondo chitarrista non è da meno nemmeno alla voce, che in questa sede brilla per intensità e profondità, risultando meno “scimmiesca” rispetto a tante uscite live recenti.

Colpisce la scelta di dare tanto spazio a brani tratti da Book of Shadows, l’album solista registrato da Zakk Wylde dopo il prematuro scioglimento (dopo un solo album) dei Pride and Glory e prima della fondazione dei Black Label Society. Una scelta azzeccata in quanto si tratta di brani profondi e intensi, già originariamente semiacustici, che quindi si prestano molto ad un’esecuzione live: Road Back Home è da brividi con il suo lungo assolo finale in crescendo, Sold My Soul lacera il cuore, mentre Thank You Child è una perla assolutamente imperdibile. Grandiosa anche una lunghissima Throwin’ it all Away, forte di una prestazione pazzesca di Zakk Wylde alla chitarra. Spazio in scaletta anche all’esperienza con i Pride and Glory, con quattro ottimi estratti che rispondono al nome di Machine Gun Man, Losin’ Your Mind, Sweet Jesus, e la delicata e toccante Lovin’ Woman.

zakk wylde

Zakk Wylde (fr.wikipedia.org)

Non possono ovviamente mancare i classici dei Black Label Society, scelti lungo tutto l’arco della loro carriera. The Blessed Hellride è più pastosa e arrabbiata dell’originale ma non per questo di livello inferiore. Rust non perde nulla della profondità dell’originale, così come Spoke in the Wheel, in una versione corposa e da sottofondo. Non potevano inoltre mancare la pianistica e toccante In This River e Stillborn, forte di un arrangiamento completamente nuovo caratterizzato da una durata elevata e un assolo chilometrico di uno Zakk Wylde molto ispirato per tutta la durata dell’album.

Grande spazio nella scaletta a brani estratti da Hangover Music Vol. VI, quinto album in studio dei BLS e non a caso uno degli episodi meno elettrici della loro discografia: assieme a House of Doom e Takillya (Estyabon), compaiono in scaletta anche Yesterday, Today, Tomorrow, Won’t Find It Here e Queen of Sorrow, per l’occasione magistralmente ri-registrate in studio in versione acustica. Spiccano in scaletta anche alcuni brani mai registrati prima, come le due cover di Bill Withers Ain’t No Sunshine When She’s Gone e Song For You.

Unblackened si può considerare come un grandioso riassunto di tutta la carriera solista di Zakk Wylde: ottima la scelta dei brani, grandiosa l’esecuzione, e un plauso alla produzione che, ad un primo ascolto povera di sovraincisioni e ritocchi in studio, lascia intatta la magia e il carattere coinvolgente della musica live. Zakk Wylde è uno dei migliori chitarristi rock-metal degli ultimi 25 anni e questo live ne è l’ennesima dimostrazione. In attesa della decima prova in studio dei Black Label Society, prevista per la metà del 2014, gustiamoci questo splendido live acustico, frutto del lavoro ormai ventennale di un musicista fuori dal comune per impegno, serietà e talento cristallino.

Foto homepage: fanart.tv

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews