Bimbo vive con mezzo cervello mancante: per i medici è un miracolo

vive con mezzo cervello mancante

Il piccolo Jake con la madre ha oggi circa quattro anni. Cammina, parla e sorride quasi come i suoi coetanei (mirror.uk)

Jake Gladstone, gioioso bambini di quattro anni dello Yorkshire, è il protagonista di una storia a lieto fine che ha battuto le previsioni mediche, superando le leggi della natura con una miracolosa e misteriosa guarigione.

VIVE CON MEZZO CERVELLO MANCANTE – Il bimbo è nato nel 2009 con una particolare malformazione celebrale che gli ha causato la morte delle cellule del piccolo cervello ancora prima di venire alla luce. La madre, inizialmente ignara del fatto che il piccolo vivesse con tale patologia, ha avvertito celermente la presenza di qualche problematica nel piccolo Jake, a causa della sua impossibilità di muovere gli arti superiori e dei suoi sofferti  pianti continui. La madre ha deciso di sottoporlo alle visite del medico di famiglia, il quale le ha consigliato di effettuare una risonanza magnetica al cervello di Jake.

LA COMPLESSA PATOLOGIA -  Gli specialisti hanno purtroppo appurato la gravità delle condizioni del piccolo, afflitto da una complessa encefalomalacia cistica probabilmente causata da un ictus che ha colpito Jake durante la sua permanenza nel grembo materno. I genitori, sconvolti dalla terrificante scoperta, sono rimasti fortemente stupiti dal fatto che il bambino continuasse a vivere nonostante mancasse metà del cervello e temevano il peggio per la sua vita futura, per la quale i medici sospettavano una possibile paralisi, aggravata dalla presenza di alcuni brevi attacchi epilettici.

JAKE CAMMINA E PARLA NONOSTANTE LA MALATTIA - Nonostante gli sviluppi fisici e mentali di Jake siano più lenti rispetto a quelli degli altri bambini, il piccolo è riuscito comunque a muovere i suoi primi passi e a parlare raggiunti i dodici mesi di età.

I genitori sono scoppiati in una devastante commozione ascoltando la prima parola di Jake, “orange”,  proliferata dal bimbo nel mentre era intento a chiedere un altro sorso di aranciata.

Il bimbo, costantemente seguito dagli specialisti, assume quotidianamente dei farmaci che contrastano le crisi epilettiche e ha raggiunto uno sviluppo  psicofisico compreso fra i tre e i due anni, inferiore alla sua reale età di circa un anno e mezzo. Il bambino frequenta una scuola materna e necessiterà di un insegnante di sostegno per essere completamente al passo con i suoi coetanei.

UN BIMBO FELICE, UN MIRACOLO INASPETTATO -  La fresca vivacità di Jake ha permesso ai genitori di continuare a lottare contro la sua terrificante malattia, mostrando degli inaspettati e progressivi miglioramenti.

Il bimbo che vive con mezzo cervello mancante offre un messaggio intriso di speranza a tutti coloro che si trovano costretti a combattere con le più mostruose patologie, raccontando una storia miracolosa con il piccolo volto illuminato di gioia.

Foto preview: mirror.co.uk

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews