Biagio Izzo al teatro Ciak

Intervista al comico napoletano che debutta la teatro Ciak di Milano il 5 ottobre con la commedia Un Te per Tre

di Marco Papetti

Biagio Izzo

MILANO – Stasera Biagio Izzo debutta al teatro Ciak di Milano con la commedia Un te per Tre, in cui il comico napoletano si sdoppia interpretando due fratelli gemelli in una piece teatrale carica di umorismo e situazioni esilaranti. La storia è stata scritta dallo stesso Izzo insieme a Bruno Tabacchini mentre la regia è curata da Claudio Insegno, fratello di Pino.

Nel corso degli ultimi preparativi prima del debutto Biagio Izzo ci dedica qualche minuto con la solita professionalità che contraddistingue il suo lavoro e in genere tutti i comici, che nella vita reale sono grandi lavoratori seri e pignoli.

Biagio, come è nata la commedia, a cosa ti sei ispirato?

Io osservo la realtà molto attentamente, mi concentro sulla quotidianità delle persone e da li parto per enfatizzare certe situazioni. L’idea base di Un te per Tre deriva dall’opera I due Gemelli di Carlo Goldoni, ma chiaramente è stata attualizzata e riproposta con riferimenti alle situazioni di tutti i giorni. Diciamo che seguo il filone della farsa teatrale che estremizza in chiave comica determinate fasi della vita mantenendo comunque un contatto con la realtà circostante.

Sei teso per questo debutto milanese?

L’adrenalina che il palcoscenico genera è la carica dell’attore. Ogni rappresentazione crea tensione ma è proprio grazie a quella che un attore dà il meglio di se di fronte al pubblico.

Quali sono i tuoi prossimi impegni in chiave cinematografica?

Al momento sono concentrato con il teatro. Sto già scrivendo insieme a Bruno Tabacchini il lavoro che porterò in scena il prossimo anno e che si intitola Guardami Guardami. Vaglio le offerte che mi arrivano e valuto ovviamente in base ai miei impegni.

Se ti arrivasse un’offerta per un ruolo drammatico?

Come ogni artista mi piacerebbe confrontarmi con un ruolo diverso da quello che solitamente interpreto, ma per affrontare un ruolo drammatico bisogna trovare il regista che sappia valorizzare questo aspetto. A volte si rischia di essere patetici: per cambiare in modo così radicale è necessario recuperare e adattare gli equilibri che si sono raggiunti con i ruoli comici.

Per far ridere è necessaria la parolaccia?

Nei miei spettacoli evito sempre la volgarità, preferisco usare la semplicità per descrivere la realtà.

Lo spettacolo di Biagio Izzo sarà in scena al Ciak di Milano fino al 10 ottobre.

Foto:www.teatropubblicocampano.com; www.cataniaperte.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Biagio Izzo al teatro Ciak

  1. avatar
    romina amodio 07/07/2011 a 12:07

    caro biagio izzo ti voglio tanto bene mi chiamo romina amodio. sei bravo a fare recitazioni napoletano , voglio farlo anche io.guarda sono napoletana voglio partecipare anche io. il filmino maldetto.dove abiti . dove il tuo indirizzo .biagio izzo .io apparteng a napoli , posso recitare con te a mmilano per mandare il commento ti voglio tanto bene un mndo di bene napoli la citta piu bella del mondo fine romina amodio non tengo la mail come possble da biagio izzo per romina amodio sono nata a napoli.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews