Berlusconi rilancia. Ecco il pacchetto sicurezza

Firmato dal ministro Roberto Maroni il nuovo piano sicurezza del governo

ROMA – Sono tre i punti principali del nuovo provvedimento varato dal Consiglio dei Ministri: Wi-Fi libero, allontanamento dei cittadini comunitari e sicurezza urbana. Il piano d’azione è stato firmato dal ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che ha dimostrato soddisfazione dichiarando: «Contributo più importante che il governo italiano abbia dato al paese negli ultimi anni».

Ecco che cosa cambierà con le nuove norme.

INTERNET GRATIS NEI LUOGHI PUBBLICI: Il decreto che oggi regolamenta l’accesso alla rete nei luoghi pubblici, decreto Pisanu, prevede che si dichiari, prima di poter utilizzare il web, la propria identità. Tutto il traffico internet viene registrato e, in caso di reati, segnalato alla polizia postale. In altri Paesi i dati di navigazioni vengono sì registrati, ma in forma del tutto anonima. Una norma che ostacola pesantemente l’utilizzo di questo servizio perché rallenta la possibilità di accesso. Da gennaio questo non sarà più necessario. Tutti potranno accedere alla rete internet liberamente. In sostanza ci si potrà connettersi da qualsiasi luogo pubblico che offra una connessione wireless senza dover pagare nulla e soprattutto senza venire “schedati”.

Dubbi arrivano dal procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso, che ha dichiarato che questo provvedimento potrebbe «ridurre moltissimo la possibilità di individuare tutti coloro che commettono reati attraverso Internet». «Dietro queste reti Wi-Fi e internet point ci si può nascondere benissimo nella massa degli utenti non più identificabili e si possono trovare anche terroristi, pedofili e mafiosi».

ALLONTANAMENTO DEI CITTADINI COMUNITARI: Una direttiva europea prevede che i cittadini della comunità europea, ma non residenti nel Paese nel quale si trovano non possano restarvi per più di tre mesi senza reddito, lavoro e dimora adeguati. Il nuovo provvedimento introduce una sanzione per la violazione di questa norma, che è l’allontanamento forzato. La norma dovrà passare il vaglio della Commissione Europea, un atto «non obbligato, ma per prassi di leale collaborazione  con l’Unione Europea» ha commentato Maroni.

PROSTITUZIONE E ACCATTONAGGIO: Giro di vite sulla sicurezza urbana. Secondo questo piano ci sarà l’espulsione delle prostitute straniere. Silvio Berlusconi, poi, ha dichiarato di voler rilanciare il reato di prostituzione, ddl Carfagna però fermo in Parlamento. «Abbiamo deciso di riprendere quella norma, riapprovarla una seconda volta e inserirla in questo provvedimento sulla sicurezza» ha dichiarato il premier.

Ci sono, poi, degli altri provvedimenti. Il primo è quello di dare maggiore potere all’Agenzia nazionale per i beni confiscati alla mafia. Il secondo è quello del ripristino del reato in flagranza differita, cioè negli scontri che avvengono negli stadi, i responsabili possono essere arrestati nelle 48 ore successive agli avvenimenti.

Poi c’è l’istituzione dell’Agenzia per il nucleare. Nominato presidente Umberto Veronesi. Infine c’è l’istituzione della carta d’identità elettronica. Questa sarà «obbligatoria anche per i neonati» e mette fine «ad una sperimentazione durata dieci anni - spiega il responsabile del Viminale – per la quale sono stati spesi 300 milioni» ha dichiarato Maroni.

Il governo, insomma, rilancia la sua azione. Domenica 7 novembre, però, ci sarà il discorso di Gianfranco Fini che sancirà la nascita del suo partito. La sopravvivenza del governo dipenderanno in buona parte dalle parole che usciranno dalla bocca del presidente della Camera. Berlusconi, quindi, resta alla finestra, intanto ha mosso un primo passo che rappresenta la volontà di proseguire la legislatura. Una mossa per mettere in difficoltà l’alleato, che a questo punto dovrebbe accollarsi la responsabilità della caduta del governo.

Nicola Gilardi

Foto: www.lacomunita.blogspot.com; www.blognotizie.com; www.webstorage.mediaon.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews