Berlusconi: ‘Arriveremo fino al 2013′

ROMA - «Il governo ha ancora 18 mesi di legislatura davanti a sé. Ho detto ai nostri oppositori: cerchiamo di impiegarli bene insieme, cerchiamo di realizzare insieme le riforme che servono al Paese e, soprattutto, pensate se non vale la pena accettare questa nostra offerta dopo che ormai avete ben chiaro che il nostro governo continuerà fino alla fine della legislatura».

Queste sono state le parole (non senza una piccola vena provocatoria) del presidente del consiglio Silvio Berlusconi, divulgate attraverso un messaggio rivolto ai Promotori della Libertà.

Per il premier, il dialogo con l’opposizione è una vera e propria speranza nel tentativo di attuare le riforme, per lui, più importanti. Ma per fare in modo che questo avvenga, il presidente del consiglio si augura che le opposizioni collaborino «con forte spirito costruttivo».

Analizzando la situazione del suo governo, Berlusconi sostiene che si tratta di una magigoranza ben coesa e uscente da quella che egli stesso giudica «una settimana positiva» che trasmette «l’ennesima conferma di quanto dico da tempo, e cioè che la maggioranza, che non comprende più Fini e i suoi, è politicamente meno numerosa ma molto più forte e coesa, finalmente in grado di approvare quelle riforme che per troppo tempo gli oppositori interni ci avevano impedito addirittura di presentare in Parlamento».

Ma il premier non risparmia, come di consueto, critiche ed invettive a tutto tondo, mirando maggiormente all’influenza per lui nociva dei media che giudica «scatenati contro di noi».

«Il merito – sentenzia Berlusconi – è di tutti noi e anche vostro, cari amici, che anche in questo clima così avvelenato avete sempre tenuto alta la nostra bandiera, che è la bandiera della verità, la bandiera della libertà».

In conclusione del suo discorso, Berlusconi avvisa sulla compattezza del governo nell’intenzione di mantenere tutti gli impegni presi, a favore di una politica che guardi sia all’Unione europea che alle alle famiglie di risparmiatori ed investitori. In tal senso, il premier annuncia che in questa settimana prenderà piede la manovra economica: «Dobbiamo intervenire per fare in modo che la manovra e la successiva riforma tributaria non provochino buchi nei bilanci».

Foto | Panorama / Corriereinformazione

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews