Beppe Grillo esalta la stampante 3D per dolci: ‘Niente più cuochi’

Beppe Grillo in gita al CES di Las Vegas esalta una stampante 3D per dolci. Ma il risultato della stampante e le dichiarazioni dividono anche i sostenitori

beppe-grillo-stampante-3d-dolci

Beppe Grillo assaggia un dolce realizzato con una stampante 3D

Beppe Grillo avrà forse colto la palla al balzo dell’annullamento di tutte le date del Rabdomante Tour per concedersi una gita in libertà ad alta tecnologia. Per l’esattezza, un viaggio al CES di Las Vegas (International Consumer Electronics Show), la più importante fiera di elettronica di consumo del mondo, dove ogni anno vengono presentate con largo anticipo le possibili novità tecnologiche che potrebbero essere commercializzate negli anni o nei mesi a venire su scala mondiale. E ad una fiera dell’elettronica, Beppe Grillo non poteva non esaltarsi davanti ad uno dei suoi cavalli di battaglia: una stampante 3D. Questa volta ad utilizzo alimentare, nello specifico per dolci.

DA 1000 A 5000 DOLLARI PER STAMPARE POLIEDRI DI ZUCCHERO - Beppe Grillo racconta la sua esperienza in un post sul blog. Il leader del M5S si avvicina allo stand della ChefJet, una stampante 3D per dolci che dovrebbe essere disponibile sul mercato nel secondo semestre del 2015 con prezzi tra i 1000 e i 5000 dollari. Grillo esalta le doti dei veri pasticcini fatti di zucchero, annunciando la ChefJet come “il futuro della cucina e di questi cuochi che impestano tutte le televisioni del mondo”. Grillo tesse lodi sperticate alla stampante 3D per dolci: «Il massimo sarà questo: metti il tuo file lì dentro e ti fai la torta, ti fai le pietanze, ti fai quello che vuoi. Senza bisogno di cuochi e di chef. Mio Dio, ma la trovo una cosa meravigliosa».

IL DOLCE “BUONISSIMO”, L’INGLESE UN PO’ MENO – - Dalla teoria alla pratica: Beppe Grillo si cimenta anche nell’assaggio di un dolce prodotto dalla stampante 3D ChefJet – che è in grado di produrre poliedri di zucchero ed altri ingredienti in diverse percentuali, ma non dolci standard – e lo definisce “buonissimo”. Per il capo politico del M5s c’è anche qualche “renziana” difficoltà di comprensione degli ingredienti del dolce poligono, spiegati in inglese dall’addetto allo stand. Grillo non sembra comprendere il peppermint sugar, tanto da assaggiare senza aver capito del tutto gli ingredienti, e chiedere all’operatore della camera “Dentro c’è cioccolato e…?”. Solo ad assaggio compiuto si accorge della presenza della menta (pronunciata maldestramente maint per due volte, ndr), ma il comico sembra ugualmente soddisfatto del risultato: «È una meraviglia, te li fai in casa: un po’ di cioccolato, un po’ di zucchero, zzz, e ti massacri di dolci!».

SOSTENITORI PERPLESSI - Il popolo della rete, però, sembra diviso sulla bontà del risultato finale per diversi motivi. I sostenitori più accaniti invitano Grillo a sbattere in faccia i risultati a Bruno Vespa e Maurizio Crozza, “colpevoli” di aver denigrato le stampanti 3D tanto amate dal leader del M5s. In molti dubitano sulla qualità prettamente alimentare del prodotto (“Andrà bene in America, ma in Italia che è la patria del gusto e dell’abilità culinaria, di sicuro no”) e diversi rinfacciano a Grillo la frase “senza bisogno di cuochi o di chef“. In particolare un utente verificato – e non un “troll – scrive così: «Bene le tecnologie, ma le nostre eccellenze culinarie le tradizioni alimentari che ci hanno reso felici e famosi, dove finiranno? Credo che ci debba essere un uso intelligente non un abuso anche nel campo tecnologico, le scoperte dovrebbero essere un supporto non il sostituto».

dolce-stampante-3d-beppe-grillo

Uno dei dolci prodotti con la stampante 3D del CES di Las Vegas

Non manca chi ricorda a Beppe Grillo come la stampante 3D per dolci sia in realtà un progetto in cantiere già dal 2013, mentre altre stampanti 3D alimentari siano state presentate non solo oltreoceano, ma anche alla recente fiera tutta italiane del Maker Faire Roma. La stampante 3D per dolci, ad ogni modo, sembra essere decisamente indigesta ai più. Nell’infinita sfida tra sostenitori e detrattori di Beppe Grillo – personaggio che con la sua discesa in campo politico ha creato due “tifoserie” pro e contro più che due correnti di pensiero – una cosa sembra accomunare tutti. Tra un poliedro di zucchero made in Usa ed una torta fatta in casa, le mani di mamme e nonne vincono per distacco la sfida culinaria contro le braccia robotiche.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews