Beppe Grillo al Financial Times: ‘Crisi in Grecia? I ristoranti erano pieni’

Il Financial Times intervista Beppe Grillo in Costa Smeralda. E al comico scappa una frase alla Berlusconi: 'Crisi in Grecia? I ristoranti erano pieni'

Beppe_Grillo_financial-times-intervista-crisi-grecia-ristoranti-pieni

Beppe Grillo in vacanza in Costa Smeralda (nonciclopedia.wikia.com)

Il Financial Times ha pubblicato oggi un’intervista a Beppe Grillo. Una chiacchierata a pranzo a tutto spiano con il giornalista James Politi, in una location che lo stesso FT ha definito “insolita, per incontrare uno dei maggiori leader populisti d’Europa”: la terrazza di un golf club privato in Costa Smeralda, in Sardegna. Al centro del discorso la crisi in Grecia e la situazione politica italiana, con un ampio excursus sulla storia di Beppe Grillo e del Movimento 5 Stelle. Ed una frase “familiare”, che farà sorridere soprattutto noi italiani: “Sono stato ad Atene. Ho trovato una splendida città e i ristoranti pieni. C’erano molti turisti e mangi bene con 18/20 euro”.

BEPPE GRILLO AL FINANCIAL TIMES: L’INTERVISTA “DIFFIDENTE”- Dall’intervista del Financial Times trapela una malcelata diffidenza verso il leader dl Movimento 5 Stelle. James Politi evidenzia a più riprese l’incongruenza tra l’immagine populistica che Grillo ha dato di sè e del Movimento, e la location che lo circonda: perfetti campi da golf che si immergono a vista nel mare di Sardegna. Il capo politico del Movimento 5 Stelle spiega di non giocare neanche a golf, ma di essere lì in vacanza per due settimane perché “ha bisogno di trovare la calma”. E poi, aggiunge con una chiosa che probabilmente non farà piacere ai proprietari del resort, “qui è tutto finto”. 

beppe-grillo-contestato-atene-piazza-syntagma-video

Beppe Grillo in alto a sinistra: attorniato dalle telecamere a piazza Syntagma mentre inizia la contestazione (frame video YouTube)

RISPOSTE EVASIVE SU TSIPRAS - Politi prova a solleticare Grillo sulla duplice posizione tenuta nei confronti di Tsipras, il sostengo alla battaglia a favore del al “no” al referendum greco – che è costato al leader pentastellato una contestazione in piazza Syntagma –  tramutatosi in attacco al primo ministro ellenico dopo l’accordo con la Troika. Il leader del M5s cerca di evadere la domanda ed  insiste sul fatto che “queste decisioni dovrebbero essere prese dalla gente, non dagli altri”, mentre su Tsipras si limita ad un “se sta vendendo tutta la Grecia, questo non è certo ciò che la gente vuole”.

CRISI IN GRECIA? I RISTORANTI ERANO PIENI - Il Financial Times lo stuzzica sul referendum “italiano” proposto dal Movimento 5 Stelle, ritenendolo poco allettante per i cittadini, soprattutto alla luce delle situazioni di angoscia di cui Atene è stata testimonianza nelle scorse settimane. Grillo però è sicuro del contrario: “Gli italiani hanno avuto un’esperienza terribile con la moneta unica. E il caos ad Atene – dice - è stato sovrastimato. Sono andato lì con pane, formaggio e calze di nylon per aiutare. Immaginavo che ci sarebbero state persone a terra ad urlare aaaaaaaah! Ed invece ho trovato una città splendida, i ristoranti erano pieni. C’erano molti turisti. Mangi bene spendendo 18 o 20 euro. Era pulita. Sono sicuro che se tornassero alla dracma avrebbero un anno di sofferenza, poi diverrebbero il paradiso sulla terra con 10 milioni di abitanti”.

beppe-grillo-stampante-3d-dolci

Beppe Grillo assaggia un dolce realizzato con una stampante 3D

CRISI IN ITALIA, RENZI “MORALMENTE RITARDATO” - La ricetta di Grillo alla crisi in Italia, invece, è “mettere persone oneste ai posti di potere. Si circonderanno di altre persone oneste e sconfiggeremo la corruzione”. Su Matteo Renzi il comico non usa mezzi termini: “È un curatore fallimentare con più verve degli altri. E poi mente: dice una cosa in televisione, noi verifichiamo ed è completamente falso. È moralmente ritardato“. La conclusione dell’intervista, dopo un breve passaggio su papa Francesco che “ha copiato molto dal Movimento 5 Stelle” (ironico, ndr) ed un parere moderatamente soddisfatto su Obama, l’intervista si chiude con una chiosa familiare. La moglie di Beppe Grillo, ricorda James Politi, è di origine iraniana. E Grillo dedica un pensiero proprio alle conterranee della sua compagna: Hanno un senso insano di sessualità e sensualità. Sono parzialmente coperte e in esse c’è un senso della scoperta che abbiamo perso. Qui stanno tutte con le tette da fuori, giusto?”.

La conclusione dell’intervista del Financial Times lascia trasparire la valutazione sull’ambiguità del personaggio Beppe Grillo: “Non ho una risposta alla sua domanda – dice Politi – e dopo quasi due ore ci salutiamo. E in una giornata che, nel bene o nel male, segna un punto di svolta nella storia politica ed economica europea (per l’accordo tra Tsipras e Troika, ndr), Grillo se ne va in spiaggia“.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews