Benzinai in sciopero dal 12 al 14 dicembre

Sciopero benzinai dicembre

Lo sciopero è stato indetto da Fegica-Cisl, Faib-Confesercenti e Figisc-Confcommercio

Roma – Disagio in vista per gli automobilisti di tutta Italia. Fegica-Cisl, Faib-Confesercenti e Figisc-Confcommercio, infatti, hanno indetto uno sciopero nazionale dei distributori di benzina dal 12 al 14 dicembre, senza garanzia dei livelli minimi di servizio.

Questo è quanto si evince dalla nota congiunta delle tre associazioni, denunciando la drammatica crisi strutturale che attraversa la distribuzione carburanti e colpisce duramente le migliaia di piccole imprese di gestione. Duro attacco anche nei confronti delle istituzioni politiche che, spiega il comunicato, si sono dimostrate «distratte e disinteressate per decenni ad un settore produttivo strategico, portano su di loro la gravissima responsabilità di avere ormai spinto alla disperazione ed al fallimento una intera categoria che denuncia un indebitamento complessivo superiore ai 300 milioni di euro». Il governo, secondo Alessandro Micheli della Figisc-Confcommercio, non avrebbe mantenuto le promesse, adottando, al contrario, un atteggiamento «vessatorio» nei loro confronti.

La protesta non si limiterà ad un semplice sciopero. È previsto, infatti, lo stop del pagamento tramite moneta elettronica (carte di credito, bancomat) dei rifornimenti di carburanti dal 24 al 30 dicembre. In aggiunta, altra iniziativa proposta dalle tre associazioni è quella del ”no RID Day”: ciascun gestore manderà insoluto il pagamento di una fornitura di carburanti, a titolo di parziale anticipo sull’adeguamento della propria remunerazione che sarà definita dalla futura contrattazione per il rinnovo degli accordi collettivi nazionali. La scelta è a discrezione del gestore stesso tra il 21, 22 e 23 dicembre. Previsto, infine, un presidio in piazza Montecitorio per il 12 dicembre di Fegica-Cisl, Faib-Confesercenti e Figisc-Confcommercio.

La banca del Centro Studi Promotor GL Events, nel frattempo, ha annunciato che i prezzi del gasolio e della benzina per autotrazione praticati in Italia restano al top in Europa e che la spesa degli utenti è aumentata del 6,9% rispetto al 2011. Altro dato da prendere in considerazione: nell’ultimo anno è calato l’utilizzo delle auto da parte degli italiani, con una diminuzione del 10% dei consumi.

Giorgio Vischetti

foto|| tgcom24.mediaset.it; ilgiornale.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews