Basket Time: Milano a punteggio pieno, Treviso e Roma sull’orlo del baratro

Continua senza sosta la marcia dell’Armani Jeans Milano nel campionato di serie A: 4 partite, 4 vittorie, con Siena che fatica per liberarsi del fanalino di coda Caserta. Male Roma e Treviso, appaiate in piena zona retrocessione

Milano vola sulle ali di David Hawkins (basketcaffe.com)

CHI SALE – Titubante in Eurolega, dominante in campionato: il leit motiv dell’Armani Jeans Milano vive l’ennesimo atto nel match senza storia contro la Enel Brindisi, volenterosa ma troppo debole per potersi contrapporre alla corazzata milanese. Con Thomas Van den Spiegel in prova per rimpolpare un settore lunghi reso fragile dall’infortunio di Pecherov e dai problemi di Petravicius, è soprattutto la difesa a dare il primo scossone alla gara: Brindisi perde ben 24 palloni complessivi contro i soli 9 di Milano e con tutte le frecce all’arco di coach Bucchi, la partita si trasforma ben presto in un monologo a tinte biancorosse. Hawkins, Mancinelli, Jaaber, Maciulis e perfino Ganeto (classe ’87) superano la doppia cifra e il punteggio finale è 97-76.
Segno “più” in pagella anche per la AIR Avellino, che, dopo un inizio di stagione travagliato, dovuto forse alla ricerca di una compattezza di squadra tra nuovi arrivi e giocatori confermati, finalmente sembra aver ingranato le marce giuste. Gioco fluido e percentuale totale di squadra al 64.5%: a farne le spese la derelitta Lottomatica Roma di un irriconoscibile Charles Smith. I 20 di Darius Washington e i 13 di Djedovic (in campo quasi tutta la gara) non sono bastati a controbilanciare il decisivo parziale tra terzo e quarto periodo, sulle ali di Dean, Thomas e Troutman (17 punti).

CHI SCENDE – Detto di Roma, non accenna a riprendersi nemmeno Treviso, l’altra grande malata di questa prima fase di campionato, costretta a cedere il passo alla Cimberio Varese: al Palaverde, vincono le difese, con percentuali di entrambe le squadre sotto al 50% e un punteggio a referto che non decolla. La squadra di Recalcati domina a rimbalzo (43-32) e trova in Ronald Slay e Phil Goss gli eroi su cui basare la propria riscossa: Motiejunas (13 punti) dà finalmente segni della sua esistenza, ma viene lasciato solo da una squadra incapace di trovare il ferro con continuità e in cui l’unico altro giocatore in doppia cifra è Peric a quota 14.
Ancora a 0 punti la Banca Tercas Teramo, sconfitta da Cantù in una gara in cui il quintetto di Trinchieri, dopo l’allungo nel secondo periodo, si è limitato a controllare il margine, sempre a cavallo della doppia cifra: Maarten Leunen è ancora una volta l’uomo giusto al posto giusto e i suoi 19 punti, in collaborazione con i 18 di Markoishvili, bilanciano la prestazione da 31 di Ivan Zoroski.

Ksistof Lavrinovic (Treviso), top scorer di giornata con 33 punti (pianetabasket.com)

COLORO CHE SON SOSPESI – Vince ma a fatica la Montepaschi Siena, sotto per quasi tutto l’arco della partita contro la Pepsi Caserta: al PalaEstra di Siena c’è il career high di Lavrinovic (33 punti) a concretizzare il parziale vincente nell’ultimo quarto (26-19, per il 91-87 finale), dopo che uno strepitoso Ebi Ere da 18 punti e 5/7 da 3 aveva portato la Pepsi sino al +8 (35-41). 12 i punti di Lavrinovic e 6 di un Moss sin lì abulico offensivamente ribaltano la gara e danno la W a coach Pianigiani, mentre è tornato ai margini della panchina Pietro Aradori, incapace di ritagliarsi in pianta stabile un ruolo in questa superpotenza del basket che almeno in campionato sta però viaggiando a scartamento ridotto.
Pausa di riflessione anche per la Angelico Biella, sconfitta a Sassari 97-90 in una gara dominata dagli attacchi (58% Sassari, 56% Biella) e in cui decisivo è stato il numero di possessi a disposizione: qualche palla persa di troppo e qualche forzatura dei piemontesi hanno regalato a Sassari la possibilità di scrivere l’allungo grazie ai 22 di White James e ai 18 punti e 2/4 da 3 dell’ex Pacers Travis Diener.
Punti importanti per Cremona (82-80 all’ultimo respiro contro Montegranaro) e per Bologna, corsara a Pesaro per 70-66, ora al secondo posto grazie 14 punti di Ken Winston e al 2/12 da 3 punti del playmaker avversario Andre Collins.

PROSSIMO TURNO – Lo scontro diretto Roma-Treviso inasprirà la crisi di una delle due deluse di questa prima fase di stagione, mentre ottimo banco di prova per le ambizioni della Montepaschi sarà la trasferta a Cantù. Milano potrebbe proseguire la striscia di imbattibilità a Sassari, mentre Caserta cercherà il primo successo stagionale tra le mura amiche contro la lanciatissima Canadian Solar Bologna. In chiave salvezza avremo Biella-Cremona e Teramo-Pesaro, mentre Avellino e Montegranaro misureranno le rispettive velleità di playoff, con Varese che difenderà il secondo posto in classifica contro Brindisi.

Andrea Samele

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Basket Time: Milano a punteggio pieno, Treviso e Roma sull’orlo del baratro

  1. Pingback: Vivere a Biella » Blog Archive » Basket Time: Milano a punteggio pieno, Treviso e Roma sull'orlo …

  2. Pingback: Vivere a Biella » Blog Archive » Basket: Serie A, Milano sola in vetta – ANSA.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews