Basket Time 5a giornata: in quattro al comando

Benetton Treviso – Bennet Cantù 72-55

Jeff Adrien a rimbalzo (aspettandodailybasket.wordpress.com/)

Il turno di riposo ridà vigore ed energia alla Benetton Treviso, letteralmente strepitosa contro la malcapitata Cantù, reduce dall’impegno infrasettimanale portato a termine con successo in Eurolega. La differenza fisica è evidente soprattutto sotto le plance, dove Scalabrine mette a referto 15 rimbalzi, mentre Jeff Adrien inscena il proprio show personale con schiacciate, rotazioni sul perno e tiri dalla media. Sono 18 i punti dell’ex Warrior, il cui unico neo è di sprecare troppo dalla linea della carità: con la sapiente regia di Mekel (8 ast) e le iniziative di Moore e Becirovic, Treviso porta il proprio margine addirittura oltre i 20 di scarto, prima che il grande cuore di Gianluca Basile tentasse di far saltare il banco.

Le triple dell’ex Fortitudo sortiscono però solo l’effetto di riscrivere le percentuali di squadra, sin lì ferme a un mesto 7%: Adrien prima e Mekel poi scrivono la parola fine a una partita mai in discussione se non nella prima frazione. Soltanto 2 i punti di un opaco Alessandro Gentile.

Montepaschi Siena – Virtus Roma 85-52

Il PalaEstra riabbraccia il Montepaschi nuovamente in cima alla classifica: Roma offre ben poca resistenza e già alla sirena dell’intervallo i Campioni d’Italia doppiano i rivali sul punteggio di 48-24. L’abituine agli impegni continentali e l’oculata gestione delle energie del proprio roster da parte di Simone Pianigiani fanno sì che McCalebb (18 punti e top scorer della gara) e compagni trovino sin dalla palla a due la chiave giusta per avere ragione dei capitolini. Clay Tucker è ancora un corpo estraneo e si sente terribilmente la mancanza di un realizzatore di fiducia cui affidare le conclusioni che pesano per davvero: Datome si conferma uomo da garbage time, mentre il solo altro giocatore in doppia cifra per Roma è Uros Slokar a quota 11.

Tanto da lavorare anche in cabina di regia: la difesa di Siena è antonomastica e il cambio marcia fiacca le gambe anche a squadroni titolati, ma le 24 palle perse (6 per Dasic) sono un dato cui coach Lardo non potrà non prestare attenzione. Ottima ancora una volta per Siena la prestazione di Pietro Aradori (15 punti), in grande ripresa dopo una stagione passata a fare da spettatore.

LE ALTRE - Basket spettacolo per Avellino, che quando può liberare tutto il proprio potenziale offensivo è davvero incontenibile: Green (6/7 da 3) e Dean stendono Sassari e permettono ai campani di volare in cima alla classifica insieme a Milano (vittoriosa nel finale su Casale), Siena e Varese. La squadra di Recalcati continua a sfruttare la vena realizzativa di Diawara e Hurtt, oltre all’ottimo lavoro in cabina di regia di Rok Stipcevic. Prima vittoria per Teramo e importante successo esterno per Biella, corsara sul campo di Cremona con 22 di Coleman e 20 di Miralles.

Andrea Samele

Risultati e classifica:
Siena – Roma 85-52
Cremona – Biella 58-79
Casale – Milano 64-67
Varese – Caserta 85-82
Avellino – Sassari 96-79
Teramo – Bologna 73-72
Pesaro – Venezia 58-71
Treviso – Cantù 72-55

Siena, Milano, Varese e Avellino 8, Caserta*, Biella e Cantù 6, Venezia*, Treviso*, Sassari, Bologna, Pesaro* e Roma 4, Teramo, Cremona e Montegranaro* 2, Casale 0. (* una partita in meno)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews