Basket Time 22a giornata: Si accende la lotta per gli ultimi posti playoff

CLASSIFICA CORTA - È davvero infuocata la lotta playoff per questa stagione: con le prime della classe avviate verso un comodo finale di stagione, dal quarto posto della Canadian Bologna fino al tredicesimo della Fabi Montegranaro è ancora tutto in gioco. In tal senso, costa carissimo il passo falso della Lottomatica Roma, cui non sono sufficienti i 23 punti di Dasic per avere la meglio sulla lanciatissima Vanoli Cremona: i lombardi sfruttano l’ottima vena di Je’kel Foster (25 punti) e riescono a colpire con costanza e precisione sia nel pitturato (57%) sia dalla lunga distanza (43%). La difesa della Lottomatica viene messa sotto anche nel conto rimbalzi (37-33) e a nulla serve la tentata rimonta nel quarto periodo: Traorè sale di colpi e di intensità, mentre l’insostituibile Datome (40 minuti in campo) sfiora la doppia doppia fermandosi a 14 punti e 9 rimbalzi. Per Cremona è un successo che significa settimo posto e aggancio al trenino di squadre a quota 20: tra queste, spicca il buon momento della Benetton Treviso, capace di sfruttare la scarsa vena di Daniel Hackett (0 su 5 dall’arco dei 3 punti) e l’impatto fisico sotto canestro del duo Skinner-Brunner. L’ex NBA compensa i passaggi a vuoto di uno svagato Motiejunas, mentre spiccano le 5 palle recuperate di Massimo Bulleri: nota di colore, soltanto 6 assist totali in tutta la partita, 4 per parte trevigiana e 2 per la Scavolini Pesaro, cui non sono sufficienti i 16 punti di Diaz.

Marko Jaric e la moglie Adriana Lima (whyfame.com)

LE PRIME DELLA CLASSE - Tutto facile per il Montepaschi Siena nell’anticipo del venerdì contro la Banca Tercas Teramo: l’eloquente 107-71 a tabellone però non contiene la nota più lieta per Pianigiani e per i tifosi della Mens Sana. Bo McCalebb è ormai prossimo al ritorno, la prima freccia all’arco dello squadrone toscano: Marko Jaric trova la prima vera grande partita della sua parentesi senese chiudendo con 16 punti in 22 minuti, ma il dato eloquente è il conto assist. Ben 29 per il Montepaschi, sintomo di un attacco che viaggia a meraviglia e di una varietà di soluzioni a disposizione dei playmaker: Malik Hairston prosegue nel suo ottimo momento di forma e con i suoi 18 punti (12 nel secondo quarto) è il principale protagonista dell’allungo e per Teramo è notte fonda. Il team di coach Ramagli è ormai appeso a un filo e la retrocessione è sempre più vicina.
Tocca a Lynn Greer rianimare la sempre traballante Armani Jeans Milano: la squadra di coach Peterson mette da parte gli ampi limiti caratteriali e di gestione della partita mostrati nel recente passato e sfodera una prestazione di autorità e controllo, non lasciandosi sopraffare dal solito monumentale Sharrod Ford (25 punti). Montegranaro paga dazio alle accelerazioni delle guardie milanesi, con Jaaber e Greer protagonisti con 15 punti ciascuno: l’ex Napoli è decisivo nel quarto periodo non dal punto di vista realizzativo ma mettendo in mostra una insolita lucidità in cabina di regia. Sono ben 6 infatti gli assist che permettono a Rocca e Hawkins (7 punti ciascuno nel finale di gara) di scrivere le premesse per l’allungo che consegna a Milano un tranquillo successo.

LE ALTRE - Cantù e Avellino fanno bottino pieno tra le mura amiche, regolando rispettivamente Caserta e Biella, con quest’ultima sempre più pericolante nei bassifondi della classifica: è ancora Ronald Slay l’uomo della partita per la Cimberio Varese di Charlie Recalcati, che coglie un successo letteralmente fondamentale al cospetto della Canadian Solar Bologna. La squadra di Lardo fallisce l’ennesimo esame di maturità e non riesce ad issarsi da sola al quarto posto, mentre per Varese è ossigeno puro: Kelvin Rivers e Jared Homan combinano 33 punti e 29 rimbalzi, ma a tradire Bologna, nonostante le 17 palle recuperate e le sole 10 perse, è il tiro da fuori. Ken Winston, pur in una partita abulica, è l’unico a centrare il bersaglio dall’arco dei tre punti, mentre il resto della squadra colleziona un poco confortante 23%. Riesce finalmente ad essere monumentale Hervè Tourè, autentico trascinatore per la Enel Brindisi, aggrappata con le unghie alla corsa salvezza: l’ala grande ex Lottomatica piazza 28 punti, conditi con 8 rimbalzi, 6 recuperi e 4 su 4 da 3 punti. Un ciclone inarrestabile per la difesa di Sassari, cui non sono sufficienti i 24 di White e i 18 di Sacchetti.

Andrea Samele

RISULTATI E CLASSIFICA
Montepaschi Siena – Banca Tercas Teramo 107-71
Bennet Cantù – Pepsi Caserta 87-76
Scavolini Pesaro – Benetton Treviso 65-71
Vanoli Cremona – Lottomatica Roma 83-70
Armani Jeans Milano – Fabi Shoes Montegranaro 87-68
Canadian Bologna – Cimberio Varese 69-71
AIR Avellino – Angelico Biella 83-76
Enel Brindisi – Dinamo Sassari 102-85

Montepaschi 40, Cantù e Milano 32, Bologna e Avellino 24, Pesaro, Cremona, Sassari, Treviso, Varese, Caserta e Roma 20, Montegranaro 18, Biella 16, Brindisi 14 e Teramo 12

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews