Basket Time 16a giornata: Bologna sorprende Siena, Milano cade ancora

CANADIAN SOLAR BOLOGNA – MONTEPASCHI SIENA 75-71

Giuseppe Poeta, Canadian Solar Bologna (datasport.it)

Il turno infrasettimanale non aziona il freno a mano dello spettacolo: Bologna e Siena come Rocky Balboa e Apollo Creed, a scambiarsi colpi su colpi, riprese su riprese fino al gong finale. Parte forte la Canadian, con Douglas Roberts in grande spolvero (3/3 nel primo quarto) e con il solito eccezionale Sanikidze nella lotta sotto i tabelloni: il georgiano alla prima sirena è già a quota 7 rimbalzi (saranno 19 in totale a fine gara) e Siena vacilla, alla ricerca di una fonte realizzativa in grado di fornire continuità. Andersen sembra in folle, McCalebb non è in partita e il solo Rakocevic non basta: Poeta predica basket, lanciando sopra il ferro Angelo Gigli, ma quando Bologna prova a piazzare lo strappo rientra Siena. Andersen fa uscire il genio dalla lampada ed esaudisce ogni desiderio gli venga recapitato tra le mani e con 5 punti di Aradori il tabellone all’intervallo recita 35-34 per i campioni d’Italia in carica.

All’avvio della seconda metà di gara, Douglas Roberts esce definitivamente di gara con un fallo in attacco, ma la Virtus produce il suo massimo sforzo, annichilendo letteralmente la difesa senese: il pitturato è il punto debole e Poeta è abile a pescare prima Gigli e poi Chris Lang, che con 2 affondate bimani sigilla il parziale che porta Bologna fino alla doppia cifra di vantaggio. Siena è tutta sulle spalle di Andersen, che mette in mostra l’intero campionario di abilità offensive: gioco in post, fade away, jumper dalla media e triple a ripetizione. Accanto all’ex NBA c’è davvero il nulla, con Moss e Rakocevic impalpabili, McCalebb palesemente condizionato dai problemi fisici e le riserve poco incisive sia in attacco che in difesa. Con le spalle al muro (-14), però, la squadra di Pianigiani prova la reazione d’orgoglio: Bologna si complica la vita con tre sfondamenti commessi su tre possessi, peccando di nervosismo con l’aumentare del pressing senese. Andersen e Moss aprono il parziale che riporta il Montepaschi fino a -4, con Rakocevic che appoggia al tabellone il pallone.

Sono i liberi a decidere il finale di gara: Koponen prima e Vitali poi sono solidissimi, mentre dall’altra parte McCalebb incornicia la sua giornata no con un pesantissimo 1/6 dalla lunetta, per un totale di squadra che raggiunge l’eloquente cifra del 42.9%. Esulta Bologna, mentre Siena può tirare comunque un sospiro di sollievo, perché la vetta della graduatoria è ancora sua.

LE ALTRE - Perdono infatti le principali contendenti per le prime posizioni della regular season: Milano è vittima nel bene e nel male delle giocate di Drew Nicholas. L’ex Panathinaikos è prima fondamentale con le sue tre triple nel piazzare un mini break cui Treviso sembrava non essere in grado di rispondere, ma poi è letale in senso negativo quando i suoi tiri liberi si sono schiantati contro i ferri del canestro veneto. Becirovic (23) ringrazia e a nulla valgono i 14 di Mancinelli e Gentile.

Cede di schianto la Bennet Cantù, incapace di porre un freno ai tiri dalla lunga distanza di Ivan Zoroski (5/7 con i piedi dietro l’arco): 20 perse sono una condanna, vanificando così i 19 punti di capitan Mazzarino e l’ottima prestazione da 15 punti e 9 rimbalzi in 17 minuti di Giorgi Shermadini.

22 punti di Diawara arrivano dopo l’intervallo e Varese vince facile contro Avellino, davvero deludente fuori dalle mura amiche, mentre tutto facile per Venezia e Caserta contro Sassari e Biella. Deve sudare sette camicie invece Pesaro, che ringrazia i suoi due gioielli Hickman e White, capaci con le loro giocate di far passare in secondo piano le 24 palle perse complessive. Nello scontro salvezza, Shakur (18) illude Casale, ma i 23 di Dee Brown e il canestro finale di Cerella permettono a Teramo di proseguire la propria striscia positiva e di abbandonare l’ultimo posto della classifica: 8+10 in soli 13 minuti per Achille Polonara, già protagonista con la maglia della Under azzurra.

Andrea Samele

RISULTATI E CLASSIFICA
EA7 Emporio Armani Milano – Benetton Treviso 80-81
Canadian Solar Bologna – Montepaschi Siena 75-71
Otto Caserta – Angelico Biella 90-76
Novipiù Casale Monferrato – Banca Tercas Teramo 60-62
Cimberio Varese – Sidigas Avellino 94-78
Acea Roma – Scavolini Siviglia Pesaro 73-77
Fabi Shoes Montegranaro – Bennet Cantù 89-73
Umana Venezia – Banco di Sardegna Sassari 91-71
Riposa: Vanoli Cremona

Siena 22, Milano e Bologna 20, Pesaro, Venezia e Cantù 18, Varese e Avellino 16, Sassari, Caserta, Biella e Roma* 14, Treviso e Montegranaro 12, Teramo e Cremona 10, Casale 8. (*una partita in più)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews