Barcone si ribalta al largo della Libia: in corso operazioni di salvataggio

Nel primo pomeriggio un barcone con centinaia di migranti si è ribaltato al largo delle coste libiche. Sul posto le navi inviate dalla Guardia Costiera

001

Sono ancora in corso le operazioni di salvataggio del barcone ribaltatosi questa mattina al largo delle coste libiche (foto: lavocedellisola.it)

Ennesimo naufragio a largo delle coste della Libia, dove poche ore fa si è capovolto un barcone con centinaia di migranti a bordo. Secondo quanto riportato da Rainews, le operazioni di salvataggio sono ancora in corso, con circa 100 naufragi al momento posti in sicurezza. L’incidente, del quale al momento si hanno ancora pochi dettagli, riapre la tematica relativa ai pericoli delle traversate del Mediterraneo, che, come riportato ieri dall’Oim, hanno causato oltre 2mila morti solamente dall’inizio del 2015.

L’ORGANIZZAZIONE DEI SOCCORSI – Il naufragio è avvenuto a circa quindici miglia dalle coste libiche in tarda mattinata. A segnalare l’evento una chiamata effettuata da un telefono satellitare arrivata alla Guardia Costiera di Catania, nella quale si indicava la presenza di un motopeschereccio in ferro, con centinaia di persone a bordo, in evidente stato di difficoltà. Organizzati i soccorsi con la collaborazione dei colleghi di Roma, sul posto sono state inviate la ‘Dignity One’, una nave di Medici senza frontiere, e la  ’Le Niamh’, nave della Marina militare irlandese.

IL MOMENTO DEL RIBALTAMENTO – Giunta sul posto per prima, la nave irlandese ha calato due rescue boat per raggiungere i migranti. In quel momento, i soccorritori hanno visto il barcone capovolgersi e i migranti cadere in mare. L’ipotesi ritenuta al momento più probabile è che i migranti si siano spostati tutti in direzione dei soccorritori, causando inavvertitamente il ribaltamento. Nella zona del naufragio è stata inviata dalla Guardia Costiera anche il Phoenix, una nave di quaranta metri del Moas (Migrant Offshore Aid Action), la nave Fiorillo della Guardia Costiera, il mercantile Barnon Argos e due unità della Marina Militare.

ARRESTATI QUATTRO PRESUNTI SCAFISTI – Nnel frattempo a Crotone sono stati arrestati quattro cittadini egiziani, mentre un minorenne è stato denunciato dagli agenti della squadra mobile dai militari della Guardia di finanza con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I quattro arrestati sono ritenuti gli scafisti del peschereccio individuato al largo delle coste di Siracusa, i cui migranti vennero salvati dalla ‘Norvegian Opv Siem Pilot’ per essere poi trasportati al porto di Crotone. L’arresto è stato permesso grazie all’identificazione offerta dai migranti a bordo dell’imbarcazione.

 

Carlo Perigli

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews