Balotelli resta al Liverpool per il “bonus fedeltà”? Una tesi che non convince

Secondo alcuni giornali, Balotelli vorrebbe rimanere al Liverpool per attivare il sostanzioso "bonus fedeltà". Conoscendo SuperMario, non ne siamo per niente convinti

balotelli

Mario Balotelli alla presentazione con la maglia del Liverpool la scorsa estate. Dall’entusiasmo per l’acquisto all’incubo del bonus fedeltà, sembra passata una vita

Balotelli e il Liverpool, un amore mai sbocciato e che sta gravando pesantemente sulle casse dei Reds. Pagato venti milioni la scorsa estate, l’attaccante italiano non solo non ha assolutamente reso quanto ci si aspettava da lui, ma si è intascato la bellezza di sei milioni di euro, due in più rispetto allo stipendio che prendeva al Milan. Un capolavoro per Raiola, una disgrazia per il club inglese, che sta cercando in tutti i modi di cedere Balotelli per evitare guai peggiori. Già, perchè i problemi ad Anfield non sono certo terminati, ma rischiano al contrario di arricchirsi di un nuovo capitolo qualora dovesse attivarsi il primo “bonus fedeltà“, previsto nel contratto del giocatore.

IL BONUS FEDELTÀ – Per capire di cosa stiamo parlando, facciamo un piccolo passo indietro. Nel corso dei negoziati tra il Liverpool e Mino Raiola, agente di Mario Balotelli, il procuratore pretese l’inserimento di alcune clausole, chiamate appunto  ”bonus fedeltà”, pronte ad attivarsi di alla fine di ogni anno di permanenza dell’attaccante nella città che diede i natali ai Beatles. Ora, passata una stagione, la scadenza della prima - caratterizzata da ben sei zeri, secondo le voci diffuse nelle ultime ore – è prevista il primo settembre prossimo, giorno successivo alla chiusura del mercato.

SVENDESI BALOTELLI – Non è un caso quindi che il Liverpool stia veramente facendo carte false per vendere Balotelli il prima possibile, dichiarandosi disposto anche a pagare il 60% dell’ingaggio del giocatore. Un’ipotesi che sembra aver attirato le attenzioni di alcuni club italiani, quali Bologna, Lazio e Sampdoria, con l’attaccante che non sembra però affascinato dalle destinazioni, preferendo attendere offerte provenienti da palcoscenici più ambiziosi. Nel frattempo è stato messo fuori squadra dal tecnico Brendan Rodgers, e si allena insieme ai compagni Fabio Borini e Josè Enrique, accomunati dal suo stesso destino.

SOLDI O GLORIA? – Per SuperMario non un’estate esaltante, sopratutto se si considera il potenziale innegabile di cui il calciatore è dotato. C’è chi dice che il “superpremio” previsto del primo settembre sia il motivo per il quale Balotelli ha puntato i piedi, preferendo intascare e non giocare piuttosto che mettersi alla prova da un’altra parte. Sarà, ma non ci convince: se lo conosciamo un minimo, l’ormai ex azzurro è sì irrequieto e poco disponibile, ma è anche tremendamente ambizioso. La sua carriera è caratterizzata dalla costante voglia di dimostrare di essere il migliore, non il più pagato. E, se si decidesse per una volta a mettere la testa a posto, è ancora in tempo per riuscirci.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews