aVoid: un’app contro lo sfruttamento minorile

Il problema dello sfruttamento del lavoro minorile è mondiale e coinvolge milioni di bambini su tutto il pianeta. Dai cucitori di palloni in Pakistan, agli intrecciatori di tappeti in India, ai raccoglitori di canna da zucchero in Brasile, senza contare gli oltre cinque milioni di bambini che vengono sfruttati ogni anno negli Stati Uniti. Si tratta di un problema che vede protagonisti in maniera negativa, sia i paesi più poveri che quelli più evoluti, che spesso sfruttano la mano d’opera infantile per realizzare capi di abbigliamento di alta moda e non, è proprio il settore della moda a impiegare un gran numero di bambini per produrre abiti a basso costo.

Si tratta di un vero e proprio sfruttamento, al quale si potrebbe porre fine, se solo ci si impegnasse ad evitare di acquistare questi prodotti. Ecco perché è nata un’applicazione in grado di dirci se il vestito che vogliamo acquistare è stato prodotto o meno, sfruttando il lavoro di un bambino. Si chiama aVoid ed è stata messa a punto dall’Ong tedesca Earthlink. Sulla base dei dati raccolti grazie a una ricerca finanziata dal governo di Berlino, ha calcolato il costo umano dei principali marchi in commercio, è possibile sapere, cliccando su un capo di vestiario tramite il nostro smartphone, se si tratta di un vestito realizzato grazie allo sfruttamento di lavoro minorile. In tal caso un simbolo con una mano che intima l’alt apparirà sul proprio schermo, nella speranza di invogliare i consumatori a rinunciare all’acquisto di quel prodotto.

Non basterà un’applicazione per porre fine allo sfruttamento del lavoro minorile, ma di sicuro questo può essere considerato un passo avanti verso l’obiettivo.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a aVoid: un’app contro lo sfruttamento minorile

  1. avatar
    p4ol0 12/09/2012 a 09:20

    L’idea mi stuzzica, ma sul Play Store non la trovo. Le risulta sia disponibile anche per Android?

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews