L’Autunno è Contemporaneo alla Sala santa Rita di Roma

A Roma, presso la Sala santa Rita (femaleworld.it)

A Roma, presso la Sala santa Rita (femaleworld.it)

Roma – Da oggi fino al 10 gennaio prossimo la seconda edizione della rassegna Autunno Contemporaneo propone quattro progetti di artiste, presentati da altrettanti critici romani per un’edizione davvero tutta al femminile.

Ospita l’iniziativa la cornice barocca della Sala Santa Rita di Roma, opera di fascino dell’architetto Carlo Fontana, degno altare per l’incontro e lo scontro con le quattro istallazioni artistiche che, nell’ottica stessa della rassegna, mirano a coniugare il linguaggio dell’arte contemporanea con il fascino particolare dello spazio barocco.

Delle quattro opere l’ultima prevista in programmazione, che inaugurerà il prossimo 13 dicembre, sembra rendere molto bene l’idea di sintesi artistica cercata da Autunno Contemporaneo: l’istallazione Innesto#6, Ri-Orientamento di Michela De Mattei, infatti, trae spunto dall’originale orientamento della Sala Santa Rita, che fu spostata dai piedi del Campidoglio, perdendo il suo orientamento verso Est, connotato religioso a significare il legame tra cielo e terra. L’artista proporrà infatti un’istallazione composta da una struttura in ferro che riproduce le linee perimetrali della chiesta ruotandone l’asse di venti gradi, giocando con le geometrie della pavimentazione e l’assetto reale della Sala.

E se delle quattro proposte, quest’ultima è la più evidente manifestazione di affinità con il fil rouge della rassegna, due degli altri tre incontri in programma, sembrano invece suggerire una linea semantica forse più introspettiva. La prima proposta in rassegna, infatti, Jump Across The Universe di Federica Di Carlo, che ha inaugurato ieri sera Autunno Contemporaneo, sembra volerci parlare di necessità di liberazione, ricerca di sfogo energetico, bisogno fisico di competere con lo spazio per giungere alla liberazione di energia e vitalità. L’artista quindi sceglie il rito femminile turco che prevede sia buttato a terra con forza un melograno, la cui rottura diventa segno evidente di buon auspicio e ne fa il soggetto della videoproiezione e l’oggetto della sua istallazione. Con esso, l’artista vuole rendere omaggio allo sforzo fisico necessario per superare i turbamenti e coadiuvare la forza in energia creativa.

Non è la prima volta che Federica di Carlo fa della forza e del salto i protagonisti delle sue opere. Jump Across The Universe, arriva, infatti, come sintesi di due lavori precedenti I Saltatori e Stream of Consciousness, dai quali prende rispettivamente il salto, questa volta non più pittorico, ma in videoproiezione e la figura del pesce, associato alla forza per la sua tenacia nel percorrere le correnti e accettarne le sfide naturali.

E l’idea del salto oltre lo spazio lo ritroviamo anche nell’opera Rehenes – Ostaggi, di Elisabeth Aro e Silvia Levenson che sarà in esposizione dal 15 novembre e che è ispirata proprio a Santa Rita. L’artista in questo caso ci parla della condizione umana messa di fronte alla violenza e alla coercizione. Lo scopo è quello di riuscire a descrivere le opposte strategie di reazione dell’uomo – ostaggio, una di immobilità drammatica e una di energia emotiva. La dicotomia dei significati resta anche nell’opera Muralla, di Elena Nonnis, che seguirà l’esposizione d Federica Di Carlo succedendole il 18 ottobre prossimo e che ha pensato la sua istallazione esile come capace di porsi in modo difensivo nei confronti del luogo sacro ed imponente della Sala Santa Rita. Il suo muro sarà quindi al tempo stesso ostacolo all’ingresso e sensazione di soffocamento all’interno, suggerendo la dicotomia della Sala Santa Rita, scissa tra luogo sacro e luogo sconsacrato.

Insomma, l’Autunno Contemporaneo diventa la fucina di una rassegna in cui quattro giovani artiste sembrano mettere in evidenza uno stato di dicotomica frustrazione, dalla quale vogliono liberarsi con la conquista del loro spazio per poter abbandonare una costrizione emotiva esterna, probabilmente il contorno frustrante che conosciamo ormai tutti molto bene.

 

Valentina Malgieri

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews