Attentato Isis in centro culturale, il video dell’esplosione a Suruc

Orrore in Turchia: il video dell'esplosione a Suruc, durante l'inaugurazione di un centro culturale. Sarebbe stata una donna kamikaze di 18 anni

video-esplosione-suruc-attentato-isis-turchia

Il momento dell’esplosione a Suruc nel giardino del centro culturale

Sarebbero almeno 27 le vittime di un’esplosione presso il centro culturale Amara di Suruc, città nel sud-est della Turchia al confine con la Siria. L’attentato, che secondo due alti funzionari del governo turco sarebbe ascrivibile all’Isis, ha causato anche il ferimento di un centinaio di persone. Un’esplosione terribile e violenta, avvenuta mentre nel centro culturale era in corso una conferenza stampa per la sua apertura. Il video dell’esplosione a Suruc ed i momenti di panico successivi sono stati immortalati delle numerose telecamere e telefonini presenti sul posto.

DONNA KAMIKAZE DI 18 ANNI - L’attentato sarebbe stato compiuto da una donna kamikaze di 18 anni, secondo le prime fonti. La ragazza si sarebbe avvicinata alla folla e fatta esplodere. Nel centro culturale c’erano diverse persone provenienti da Istanbul e dirette verso la città di Kobane, molto vicina a Suruc, dove avrebbero dovuto prestare servizio come volontari. Intorno a Suruc sono diversi i campi profughi che ospitano circa 20mila persone, fuggite dalla Siria a causa della guerra e delle incursioni dell’Isis nei loro territori. Il centro culturale Amara è stato punto di ritrovo di circa 300 giovani affiliati alla gioventù socialista che si sono incontrati per un forum sulla Rojava, il progetto di uno stato curdo al confine sud della Turchia. Nello stesso centro culturale, il partito filocurdo dell’Hdp stava organizzando l’accoglienza dei profughi.

attentato-isis-turchia-video-dell-esplosione-a-suruc

Una delle vittime dell’attentato (Twitter @ContattoNews)

Il video dell’esplosione mostra l’improvvisa e violentissima deflagrazione proveniente dal bel mezzo della folla. Le vittime accertate sono 27, ma dei numerosi feriti molti versano in gravi condizioni. Suruc è ad una decina di chilometri da Kobane, città simbolo della resistenza siriana posta per lungo tempo sotto assedio da parte dell’Isis e successivamente liberata dalle forze curde con la collaborazione dell’aviazione statunitense. La Turchia viene ora ferita al cuore, in un momento fortemente simbolico, come quello dell’inaugurazione di un centro culturale.

L’AMBIGUITÀ DELLA TURCHIA DI ERDOGAN - La stessa Turchia vive però un momento geopoliticamente difficile. Oltre ad offrire rifugio a migliaia di profughi, lo stato governato dal presidente Erdogan è stato accusato di aver fatto passare attraverso le sue frontiere migliaia di combattenti pro-Isis in Siria, per abbattere il regime siriano che sarebbe inviso proprio al presidente Erdogan. Oggi i jihadisti dell’Isis hanno fatto suonare un terrificante campanello d’allarme. Il video dell’esplosione a Suruc sta impazzando su tutti i media turchi. Un terribile monito di morte e terrore.

IL VIDEO DELL’ESPLOSIONE A SURUC, IN TURCHIA (attenzione, contenuti espliciti)

#HTVİdeo İşte #Suruç’taki patlama anı…

Posted by Habertürk on Lunedì 20 luglio 2015

LE FOTO DELL’ATTENTATO ISIS DA TWITTER (attenzione, contenuti espliciti)

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews