Asfeld, ‘Believe in Something’: sangue, rabbia, sudore

asfeldGli Asfeld rappresentano un nome nuovo nel panorama musicale dell’Alto Milanese. Originaria di Busto Arsizio, la band offre una sana commistione di punk, hardcore e sfumature metal: una proposta musicale ricca di potenza e groove, caratterizzata da un gran lavoro della sezione ritmica, una chitarra tagliente, un cantato sofferente e rabbioso, e un sapiente uso delle seconde voci. Composti da quattro elementi – Ugo Lucchini alla voce, Martino Lunardi alla chitarra, Tommaso Pini al basso, e Filippo Macalli alla batteria – gli Asfeld si sono formati alla fine del 2012 e hanno da subito iniziato a macinare ore in sala prove con il proposito di scrivere brani inediti, alla ricerca del sound giusto. Un sound che appare chiaro e definito nel loro album di esordio, Believe in Something, registrato allo studio Decibel di Busto Arsizio la scorsa estate e pubblicato finalmente lo scorso autunno.

POTENZA E TIRO – Army Of The Slaves apre il disco con potenza e tiro: di pregio sono soprattutto la sezione ritmica basso-batteria, un ritornello anthemico che non lascia scampo (perfetto per le esecuzioni live), e un finale incalzante modello marcia militare. Just Exploit Your Life è un altro buon capitolo, dinamico e potente. Il trio d’apertura è concluso quindi da See You At The End Of The Line, che segue la strada precedentemente percorsa dai due brani precedenti, e ha i suoi punti di forza in un ritornello azzeccato e un finale martellante. La successiva Passion is Calling è un mid tempo potente, forte di un ritornello corale di Anthrax-iana memoria. Si giunge quindi a Hatework, altro concentrato di potenza: un brano variegato e ben strutturato nell’alternanza delle sue strutture principali.

Asfeld believe in something

La copertina di ‘Believe in Something’

RABBIA E SUDORE - Can You Do It More Blue?! è un breve strumentale, introduzione alla successiva Underwater Romance, senza dubbio uno dei brani migliori del disco, che ha i suoi punti di forza in una sezione ritmica compatta, un ritornello martellante e una seconda parte strumentale ben studiata. Anima, altro ottimo capitolo di questo disco, è l’unico brano del lotto cantato in italiano: un metal dalle venature moderne, ritmicamente massiccio, che batte su terreni già esplorati in passato dai nostrani Extrema. Con l’accoppiata formata da Everytime e Motorhead si ritorna a passeggiare in territori punk rock, mentre la successiva W.O.M.B. è perfetta per far muovere i capoccioni. La breve Asfeld si sviluppa su una serratissima ritmica di basso e batteria e chiude un disco fatto di potenza, sudore e tanta passione. Ma c’è ancora spazio per una versione di Passion is Calling con un nuovo testo: una dichiarazione d’amore per le squadre di calcio del cuore dei rispettivi membri della band.

NOTEVOLI MARGINI DI MIGLIORAMENTO – Believe in Something è un ottima biglietto da visita per una band, gli Asfeld, che dimostrano di aver voglia di fare, e di avere tutte le carte in regola per fare bene. I brani sono un pastone di punk, hardcore e metal, molto ben miscelato. Ottimi i ritornelli, l’utilizzo dei cori, e la compatta sezione ritmica formata dalla premiata ditta Macalli-Pini. Le chitarre fanno il loro lavoro con precisione e senza strafare e le liriche e il cantato di Ugo Lucchini sono rabbiosi e cinici: un simbolo perfetto della disillusione che caratterizza i giovani e la società di questi tempi di profonda crisi. Believe in Something è la dichiarazione di intenti di un gruppo che ha voglia di lasciare il segno, e che ha le potenzialità per poterlo fare. Questa prima fatica discografica degli Asfeld è infatti di qualità, ma i margini di miglioramento – sia in fase di songwriting che nella predisposizione a “osare” di più – sono importanti e si sentono chiaramente durante tutta la durata del disco. Motivo in più per tenere d’occhio questi quattro ragazzi, il cui percorso musicale potrebbe essere lungo e ricco di soddisfazioni.

Pagina facebook Asfeld: https://www.facebook.com/asfeldmusic

Voto: 7

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews