Arriva l’ora solare e diminuisce il rischio d’infarto del 10%

(doctorsmi.com)

(doctorsmi.com)

Che il dormire male abbia ripercussioni importanti sulla qualità di vita, è risaputo. Se succede di non riuscire a prender sonno saltuariamente non c’è da preoccuparsi ma se il problema persiste c’è da correre ai ripari. Oltre che ad influire sulle capacità cerebrali, lavorative e sociali l’assenza di sonno può portare l’insurrezione di patologie cardiache importanti.

Chi dorme meno di 6 ore a notte è a grave rischio di ipertensione ed infarti. Il giorno più rischioso della settimana è il lunedì perché si sommano tre fattori: il dormire male rispetto alle richieste del naturale orologio biologico, il dormire meno e lo stress da inizio settimana.

Ma mai nessun lunedì sarà così sicuro come il primo lunedì regolato dall’ora solare che regalerà un’ora in più di sonno a tutti. Infatti lunedì prossimo ci sarà una diminuzioni del 10% d’ infarti grazie all’effetto protettivo che produce il sonno. E proprio in questo primo giorno della settimana verrà meno uno dei tre fattori nocivi, l’organismo dormendo un’ora in più non verrà privato del tempo necessario di rigenerazione.

Questo effetto positivo sarà avvertito sopratutto dalle persone giovani, mentre negli anziani la situazione rimarrà inalterata proprio perché godono di più tempo per riposarsi. Chi dorme poco ha un rischio di complicazioni cardiache pari al 48% e di ictus pari al 15%.

Giulia Orsi

foto: doctorsmi.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews