Arriva in Italia Knowledge Graph, la ricerca intelligente di Google

Google, Knowledge Graph, motore di ricerca, italia

Knowledge Graph contiene più di 18 miliardi d'informazioni

Roma – Da oggi anche in Italia arriva la ricerca più intelligente di Google. Si tratta di Knowledge Graph, lo strumento tecnologico che consentirà agli utenti di migliorare la loro navigazione sul motore di ricerca fondato nel settembre del 1997.

Questo algoritmo, infatti, permette di rendere più accurate le ricerche, ottenendo risultati che rispecchiano maggiormente la reale entità del termine cercato e prendendo in considerazione tutte le possibili corrispondenze. Se per decenni Google si limitava a creare delle corrispondenze tra interrogazioni e parole chiave, con questa nuova innovazione tecnologica viene migliorata la comprensione del significato del termine immesso nel motore di ricerca e il rilevamento di tutte quelle informazioni che si legano a quello specifico argomento. Danny Sullivan, editor del blog Search Engine Land specializzato sui motori di ricerca e search marketing, ha riassunto molto bene come grazie a questa implementazione ora Google sia in grado di offrire non solo link, ma direttamente risposte alle nostre domande.

Per fare un esempio pratico: se ora immetterete nel motore di ricerca il termine “Caterina de’ Medici”, si otterranno informazioni non soltanto inerenti alla sua data di nascita e di morte, ma anche dettagli specifici sulla sua vita e sulle persone che ne hanno fatto parte. Oppure digitando la parola “Torino”, Google elaborerà l’interrogazione, elencando tutte le notizie inerenti quel termine: quindi non intenderà soltanto Torino come città, ma anche come la squadra di calcio, come Università, come edizioni on-line di cronaca locale e altro ancora. Insomma, con questo nuovo strumento cresce l’importanza del contesto a discapito delle keyword, tendendo a penalizzare l’eccessiva ottimizzazione basata su quest’ultime.

Knowledge Graph, al momento, contiene oltre 570 milioni di oggetti, più di 18 miliardi d’informazione ed è perfezionato in base alle ricerche effettuate dagli utenti e alle notizie che si trovano sul Web, non limitandosi ad attingere dalle fonti di Wikipedia, Freebase e CIA World Factbook. Per comprendere meglio le potenzialità di questo nuovo strumento, su You Tube è possibile trovare un video tutorial pubblicato qualche mese fa da Google.

Giorgio Vischetti

@GVischetti

foto|| lastampa.it; repubblica.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews