Arrestato il presunto assassino della Politkovskaja

Anna Politkovskaja

MOSCA - Arrestato due giorni fa il presunto esecutore materiale dell’omicidio di Anna Politkovskaja, giornalista russa nota per i suoi reportage contro le violazioni dei diritti umani in Cecenia. Un fatto importante per il giornalismo d’inchiesta, mission per cui la giornalista ha perso la vita nell’ascensore di casa sua, a Mosca, il 7 ottobre 2006. Data non casuale, giorno del compleanno di Vladimir Putin: una sorta di regalo per il presidente russo, all’epoca uno dei maggiori bersagli della Politkovskaja.

Il Ministero degli Interni della Federazione Russa conferma l’arresto del ceceno Rustam Makhmudov nella casa dei suoi genitori, nel distretto di Achki-Martan, 30 km a ovest di Grozny, la capitale del regno caucasico di Ramzan Kadyrov: altro bersaglio della Politkovskaia, “luogotenente” di Putin che ostenta un controllo pieno del territorio.

Ora Rustam, secondo un anonimo funzionario della polizia, verrà portato a Mosca per gli interrogatori. Fino a qualche giorno fa gli investigatori  lo davano in Europa, forse in Belgio. Dmitri Muratov, direttore di Novaia Gazeta, il bisettimanale per cui lavorava la Politkovskaia, sostiene che in Cecenia tutti sapevano dove trovarlo, “andava e veniva regolarmente a casa sua”.

Il presunto assassino della Politkowskaja

La notizia dell’arresto è stata anticipata dai difensori dei due fratelli di Rustam, coinvolti nella vicenda. Un primo processo, infatti, si era concluso nel febbraio del 2009 con l’assoluzione per mancanza di prove di tre imputati, tutti comprimari: i due fratelli Dzhabrail e Ibragim, che secondo l’accusa avrebbero pedinato la giornalista e accompagnato il killer sul luogo del delitto; l’ex dirigente della polizia moscovita Serghiei Khadzhikurbanov, il braccio logistico dell’agguato. Il verdetto venne poi annullato dalla Corte Suprema e fu aperta una nuova inchiesta.

L’arresto del presunto sicario della Politkovskaja rappresenta un’innegabile svolta ed evoluzione per la giustizia e per il giornalismo; ma non sarà facile per l’accusa assemblare gli elementi raccolti in modo convincente e soprattutto passare ad un livello superiore, quello dell’individuazione e dell’arresto dei mandanti.

Di Benedetta Rutigliano

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews